Associazione Volonwrite

Comunicazione Sociale sulla Disabilità

nardini-DSC_0277Uno spettacolo emozionante, che ha suscitato risate e applausi da grandi e piccini: pochi oggetti dall’uso comune, un ombrello, una valigia, un palloncino, una bombetta, prendono vita come per magia nelle mani di quest’uomo che senza proferir parola ci fa vivere realtà diverse, in uno spettacolo di gran classe, divertente, appassionante e coinvolgente.

Mimo Nardini ci racconta senza utilizzare la voce episodi semplici e quotidiani con un’ironia e un savoire faire che ci conquista sin dalla sua prima comparsa in impermeabile, interagisce con noi del pubblico, ci tiene con il fiato sospeso mentre con lo sguardo fissiamo attoniti ogni suo gesto.

Mimo Nardini comunica senza parlare, ha partecipato a festival di arte di strada, programmi televisivi, manifestazioni, si è esibito a teatro come nelle scuole.

A lui non servono parole per regalarci risate dal cuore…ma noi di Volonwrite abbiamo comunque deciso di provare ad intervistare colui che per professione risulta essere muto…

Mimo, da quanto tempo hai questa passione e da quanto anni  la pratichi?
E’ da 18 anni che faccio il mimo: desideravo regalare qualcosa alle persone, soltanto che non avevo particolari capacità dialettiche, così ho scelto di farlo attraverso i gesti. E’ così che ho iniziato a fare dei corsi di mimo, e ad un certo punto ho cominciato a mettere in pratica quello che avevo imparato! Per farlo ho scelto come location “la strada”, e tutt’oggi faccio l’artista di strada per passione.

La tua professione è invece completamente diversa, non è così?
Sì esatto. Io lavoro occupandomi di sicurezza in una nota fabbrica, ma una volta finito il mio turno amo dedicarmi alla mia famiglia e a questa forma d’arte.

Quanta preparazione c’è dietro ogni spettacolo?
Per quanto non sembri, dietro ad ogni esibizione vi è una grande preparazione, non solamente di tipo tecnico, ma anche a livello fisico: ginnastica, corsa. E’ necessario, oltra all’agilità, possedere anche una certa forza per alcune performance.

Ci sono dei corsi per diventare dei bravi mimo?
Io ho frequentato una scuola di mimo per 4 anni, ma adesso sono un autodidatta.

Quale è quel “qualcosa” che ti porta da 18 anni ad esibirti in questa arte?
Il mio spettacolo copre tutte le età, dai bambini ai più grandi, e la passione che mi motiva mi permette di affrontare serenamente ogni aspetto della mia vita, in ambito lavorativo come in famiglia. Sono le persone che mi stimolano, i loro applausi.

Questa è stata la prima volta che ti sei esibito al Festival Internazionale del teatro di strada?
Sì, esatto…speriamo la prima di una lunga serie!

Mimo Nardini, quali sono i tuoi contatti per saperne di più e assistere ai tuoi spettacoli?
Il mio sito è www.mimonardini.it … e per rimanere aggiornati basta che mi scriviate!!!

Noi di Volonwrite torneremo con piacere a seguire lo spettacolo del bravissimo Mimo Nardini…vi consigliamo di fare altrettanto, la risata e il divertimento puro sono assicurati!

Parola di mimo!

Leave a Reply