La Salute in Comune - 2016

PeerTOYou: un click per informarsi sulla sessualità

Il 7 luglio sul palco de La Salute in Comune si è parlato di uno dei temi più citati – ma allo stesso tempo meno affrontati – di tutti i tempi: la sessualità.

Nonostante si viva nel 2016, infatti, il tabù del sesso è ancora diffuso, accompagnato da imbarazzo, disinformazione e di conseguenza imprudenza.

Per colmare questa importante lacuna è stato creato un sito innovativo, che vede la collaborazione di giovani e di istituzioni per diffondere un’informazione corretta, precisa e con un linguaggio “alla pari”, in linea con quello degli adolescenti.

La serata ha visto protagoniste più figure professionali, a cominciare da Teresa De Villi, assistente sanitario del Dipartimento di Prevenzione e Progetti di Peer Education dell’ASL TO1: è stata lei a presentare il sito www.peertoyou.it, creato per offrire spiegazioni competenti alle tante domande riguardanti la sfera della sessualità. Nello specifico, esso è nato in risposta all’esigenza dei ragazzi di risolvere alcuni dubbi successivamente alle lezioni di sessualità tenute nelle scuole: i tempi accademici e l’imbarazzo personale non permettevano di far fronte a tutte le perplessità.

Il sito Peer To You offre informazioni a portata di click.

E’ importante che ci siano professionisti che parlino di sessualità utilizzando un approccio semplice e chiaro e PeerTOYou è la prova che si può parlare di sesso in modo serio anche sul web, senza cadere nella pornografia.

L’ulteriore motivazione che ha sancito la nascita del sito PeerTOYou è stato l’appello di tanti insegnanti nel vedere sempre più ragazze adolescenti confrontarsi con gravidanze indesiderate.

Dalla sinergia di diverse figure professionali (e non) è nato il gruppo online  finanziato dalla NovaCoop che coinvolge il Dipartimento di Prevenzione, le ASL di Torino, i consultori familiari della Città, i centri di dipendenza e la Cooperativa Altresì.

I giovani peer educators si occupano personalmente di rispondere alle domande dei coetanei: sono ancora tantissime le bufale e le false credenze che minano la sicurezza sessuale dei giovani, con conseguenze a volte permanenti.

I consultori, poi, giocano un ruolo importante in questa équipe: Lorena Mantovani, coordinamento infermieristico dei consultori ASL TO2 e Monica Rosso, consultorio ASL TO1, hanno spiegato quanto i consultori rappresentino un sostegno fondamentale per la prevenzione e l’informazione e quanto l’attività sessuale sia importante per il benessere psicofisico di ognuno.

Il sito Peer To You è ancora una novità e verrà presentato nelle scuole a settembre per favorirne la divulgazione.

Ogni 15 giorni ci incontriamo con Teresa per discutere le domandeha spiegato al microfono Fulvia Ranzani, ostetrica coordinatrice dei Consultori ASL TO1questo è il risultato di un bel lavoro di squadra.

Post precedente

Il camouflage per ricominciare a vivere dopo una grande ustione

Prossimo post

CISV: Capiamo Insieme il Servizio di Volontariato

The Author

Claudia Cespites

Claudia Cespites

Ci sono persone che da subito nascono con la vocazione per il mondo del sociale: sognano di diventare educatori, assistenti sociali, insegnanti.
E poi ci sono persone che nel colorato panorama del sociale ci "inciampano" per caso, come è successo a me. A differenza di tanti miei colleghi dell'associazione io provengo da un mondo completamente differente, con studi in comunicazione e marketing e con un contratto di lavoro come addetta ufficio presso un supermercato alimentare: ero abituata a confrontarmi con numeri e dati, più che con le persone.
Ma a volte, per fortuna, la vita ti riserva percorsi di crescita personale e professionale imprevedibili, che cambiano completamente il tuo modo di pensare e la prospettiva con cui ti rapporti a ciò che ti circonda.
Da quando, due anni fa, ho risposto a quell'annuncio di stage in comunicazione sociale presso l'Associazione Volonwrite, la mia vita è cambiata.
Ad oggi mi chiedo come sarebbero stati i miei giorni senza questa realtà: sicuramente più grigi, più "soli" e più superficiali...
A Volonwrite devo tantissimo: per me si tratta di una seconda famiglia, più che di un'associazione...e si sa, la famiglia non si abbandona mai!