News

Per loro giocare al Nintendo sembrava impossibile

Arcade Land è il primo videogioco al mondo adattato alle persone con paralisi cerebrale. Realizzato in Spagna col contributo di giovani affetti da questa disabilità, il fine dello speciale dispositivo elettronico non è terapeutico bensì ludico. Al posto del tradizionale joystick, una speciale telecamera in grado di catturare e tradurre in azioni i movimenti del tronco, della testa e degli occhi del giocatore. Un eccezionale strumento di distrazione per chi ogni giorno è costretto a sottoporsi a intense, dure e spesso noiose sedute di riabilitazione e terapie. Il videogame sarà in commercio in Europa a fine mese, ma presto potrebbe essere distribuito anche in America e Asia.

Fonte: west-info.eu

(s.c./mjp)

Post precedente

Disabilità, la storia di Deborah: “Io che ‘guardo’ un’opera d’arte con il tatto”

Prossimo post

Calcio, il 5% dei diritti tv per sport sociali e paralimpici. Ecco la proposta di legge

The Author

Simone Croce

Simone Croce

Mi chiamo Simone, sono nato nel 1990 e mi definiscono il cuore sportivo del gruppo: non c’è disciplina sportiva – olimpica e paralimpica – di cui non abbia notizia in merito a punteggi, giocatori, livelli in classifica.

Nell’ultimo anno, mi sono lanciato in una nuova avventura di speaker radiofonico e conduttore di video interviste scoprendo un lato di me ironico e socievole.

Sulla redazione di articoli ancora ci sto lavorando… non a caso il mio soprannome è quello di “uomo sintesi”….. ce la farò (e ce la faranno i miei colleghi Volonwrite!) a cavarmi più di due righe?