Associazione Volonwrite

Comunicazione Sociale sulla Disabilità

Gli Asili Notturni Umberto I di Torino e l’Associazione Protesi Dentaria Gratuita sono intervenuti sul Palco delle Pillole di Salute sabato sera 18 luglio in occasione della tematica Odontoiatria Sociale.

Gli Asili Notturni furono fondati a Torino nel 1886 da un gruppo di persone che, all’insegna del trinomio “Labor, Virtus, Caritas”, decisero di offrire, senza distinzione di nazionalità e religione, un ricovero notturno temporaneo a persone residenti a Torino o di passaggio e sprovviste di mezzi, quali giovani e anziani privi di un tetto, lontani dalla terra natale e dalla famiglia, sbandati, oppressi dalla fame e dal freddo.

Oggi nel contesto sociale italiano, vediamo proliferare il solidarismo dei privati cittadini che intervengono laddove lo Stato è carente. Assistiamo quindi alla rinascita e alla valorizzazione del gratuito in una società che, per altri aspetti, mira alla massimizzazione dei redditi e monetizza i valori della vita.

I servizi offerti dagli Asili Notturni sono molteplici: mensa per un pasto caldo, dormitorio, assistenza medica e assistenza odontoiatrica. A riguardo, i media sottolineano dati allarmanti: 5 milioni di bambini tra i 5 ed i 14 anni necessita del dentista e un terzo non può permetterselo: gli Asili Notturni Umberto I hanno integrato il servizio odontoiatrico aggiungendo ai medici dentisti ed odontoiatri, quattro specialisti in Orto-Pedodonzia. Hanno così aperto la porta ai bambini con il Progetto Bambini Ri-denti, finalizzato alla cura e alla prevenzione di patologie odontoiatriche in pazienti pediatrici in condizioni di fragilità sociale e socio-economica. Le cure sono assicurate anche ai minori con disabilità.

L’Associazione Protesi Dentaria Gratuita fu fondata nel 1987 e assicura gratuitamente prestazioni odontoiatriche di tipo protesico a persone segnalate dai Servizi Sociali. Il numero di persone che si rivolgono all’ambulatorio dell’Associazione continua a crescere anno dopo anno a causa del fenomeno delle nuove povertà, che va aumentando le schiere degli emarginati.

Molti dei pazienti dell’Associazione vivono in una condizione di grande fragilità psichica e hanno oggettive difficoltà a rapportarsi e ad accedere alle strutture pubbliche (ASL) del Servizio Sanitario Nazionale. Più recentemente si è avviato, con piena soddisfazione dei Servizi sociali e delle famiglie, il servizio di applicazione di apparecchi ortodontici ai bambini.

Comments are closed.