La Salute in Comune - 2015

Perchè ridendo è meglio!

Il Sermig – Servizio Missionario Giovani – è nato nel 1964 da un’intuizione di Ernesto Olivero e da un sogno condiviso con molti: sconfiggere la fame con opere di giustizia e di solidarietà verso i più poveri e dare una speciale attenzione ai giovani. L’Arsenale della Pace di Torino, sede del Sermig, era un’antica fabbrica di armi in disuso, diventato un punto di incontro tra culture, religioni, schieramenti diversi per conoscersi, dialogare, camminare insieme. È un riferimento per i giovani che hanno voglia di dare un senso alla propria vita. È una casa aperta a chi cerca un soccorso. È un luogo di preghiera dove chiunque può sostare, incontrare il silenzio e Dio. È un luogo dove ognuno può restituire qualcosa di sé: tempo, professionalità, beni spirituali e materiali.

Dal novembre 1988 è attivo un servizio medico che fornisce cure mediche a persone in difficoltà, dove vi operano medici volontari specialisti nei vari settori della medicina, farmacisti, infermieri.

Dal 1998 è presente anche un ambulatorio odontoiatrico che oltre a educare alla prevenzione e all’igiene orale, propone cure specifiche per qualsiasi tipo di problematica, soprattutto rivolte a comunità straniere. La richiesta è sempre in crescita, infatti in questi sedici anni le prestazioni odontoiatriche sono aumentate da 200 a 1000 all’anno.

Camminare Insieme è un’altra realtà che si occupa di prevenzione e cure mediche e odontoiatriche. È un’associazione di volontariato laica sorta nel 1993 e in risposta al problema della prima migrazione: proprio all’inizio degli anni Novanta comincia a manifestarsi in maniera sempre più evidente molti problemi legati a questo fenomeno, tra i quali la tutela della salute degli immigrati, regolari e non. Così nasce l’idea di aprire un ambulatorio dedicato a tutti coloro che non possono usufruire del Servizio Sanitario Nazionale.

L’obiettivo dell’Associazione e quindi quello di fornire assistenza medica qualificata e gratuita alle persone che non possono permettersi di usufruire di cure, offrendo loro prestazioni mediche e odontoiatriche gratuite . In questi ultimi anni sono state registrate 160 mila prestazioni mediche, delle quali 1500 in odontoiatria e i dentisti sono tutti volontari. Quella di Camminare Insieme e un’attività di estrema importanza perché dà rilievo all’ascolto, ogni paziente è portatore di problematiche specifiche, che poi si traducono in patologie. Fondamentale è dare accoglienza e in base alla necessità intervenire prontamente. Un’arma altrettanto efficace è la prevenzione, diffusa soprattutto negli ambienti socialmente più fragili. Un esempio ne sono i progetti dedicati all’assistenza sociosanitaria ed economica delle donne straniere con figli minori a carico. È del 2013 un nuovo progetto, InfoRom, dedicato a percorsi di formazione e sostegno e di scambio, rivolto a gruppi di donne Rom, che prevede cicli di incontri di prevenzione delle malattie attraverso l’educazione igienico-sanitaria e alimentare soprattutto per donne e bambini.

Post precedente

Per un sorriso in più

Prossimo post

TG 18 LUGLIO

The Author

Vittoria Trussoni

Vittoria Trussoni

Mi chiamo Vittoria, sono nata nel 1985 e se mi chiedete qual è il mio mestiere la risposta è…non lo so.

C’è chi dice una “comunicatrice”, chi una pseudo reporter in erba, chi un’educatrice mancata e chi una mantenuta. Insomma potrei essere tutto o niente, ma tento di fare quello che mi piace, senza troppe pretese dato che non sono specializzata in nulla.

Sono laureata in Lettere ma, al di là di una discreta cultura (che anche lì è da provare), non ho sfruttato al meglio la mia triennale letteraria, preferendo buttarmi nel mondo del sociale. E’ quasi tre anni che collaboro con l’Associazione e grazie alle splendide persone che la popolano e alla educativa esperienza del servizio civile volontario, ho scoperto cosa mi piacerebbe fare nella vita – al di là della fattora eh, ma quella è un’altra storia.

Adoro stare in mezzo alle persone, dedicare il mio tempo agli altri, conoscere, informarmi, curiosare in giro. Fare polemica, ridere, scherzare e soprattutto parlare parlare parlare. Sono un’inguaribile logorroica.

Sono cresciuta senza riconoscere la mia forza, con la perenne paura di sbagliare e di disattendere le aspettative delle persone che mi stavano vicino. Con il tempo ho imparato a cercare la fiducia in me e non negli occhi degli altri. Descritta così sembro perfetta!

In realtà sono permalosa, cocciuta, distratta, casinista e non molto ben disposta ad ascoltare le critiche, soprattutto se penso di avere ragione (sono un ariete, ho detto tutto!) ma sono entusiasta della vita, non amo la negatività delle lamentele.

Ecco, ho scritto già troppo!