News

Pif marcia per i diritti dei disabili e si autoproclama governatore della Sicilia

Il regista palermitano attacca il presidente della Regione, Rosario Crocetta: “Ha fallito: se non è in grado di trovare le somme per garantire vita dignitosa, deve dimettersi”

S’è trasformato in una sorta di show con dirette su Facebook a go-go e migliaia di like e commenti il blitz di una decina di disabili in carrozzella, accompagnati da parenti e amici che chiedono assistenza h24 per i loro congiunti, negli uffici della Presidenza della Regione siciliana, occupati per oltre sei ore. La scena se l’è presa Pif, il regista palermitano che in mattinata s’è presentato davanti al Palazzo assieme a Giancarlo e Alessio Pellegrino, i due fratelli tetraplegici che furono costretti a fare anticamera per otto ore nella portineria dell’assessorato alla Famiglia senza mai essere ricevuti. Le `Iene´ la scorsa settimana hanno mandato in onda un doppio servizio sulla vicenda costato il posto a Gianluca Micciché che si è dimesso da assessore sull’onda delle polemiche, con l’accusa di essere fuggito in auto per evitare di parlare con i fratelli.

perdite di tempo. Ci deve dire quando. Oggi pomeriggio è già tardi. Deve venire subito perché noi siamo incazzati, ci sono i disabili che aspettano». Crocetta è arrivato intorno alle 16. Il faccia a faccia è stato durissimo: «Ci metto te al mio posto così risolvi il problema», dice il governatore a Pif che lo incalza. «Ma io non sono mica il presidente della Regione..», replica il regista chiedendo a Crocetta un impegno preciso. «Se non risolve il problema di tutti i disabili entro due mesi si dimetta», ammonisce Pif. E Crocetta: «Questo in politica si chiama ricatto, ho preso degli impegni e tu li verificherai». La risposta è piccata: «I ricatti li faceva il suo assessore: presidente è finita. Non avete più credibilità».

«Mi sto prendendo la responsabilità politica e morale, tra due mesi si risolve il problema dell’assistenza ai disabili. Ho preso degli impegni se non lo faccio, Pif farai tutte le campagne di informazione che vorrai», ribatte il governatore. Per assistere h24 i disabili servirebbero 460 milioni di euro.

Fonte: lastampa.it

(s.c./e.c)

Post precedente

La guerra contro la frammentazione, da combattere sempre e comunque

Prossimo post

Resoconto dell'ultima e "agitata" settimana

The Author

Simone Croce

Simone Croce

Mi chiamo Simone, sono nato nel 1990 e mi definiscono il cuore sportivo del gruppo: non c’è disciplina sportiva – olimpica e paralimpica – di cui non abbia notizia in merito a punteggi, giocatori, livelli in classifica.

Nell’ultimo anno, mi sono lanciato in una nuova avventura di speaker radiofonico e conduttore di video interviste scoprendo un lato di me ironico e socievole.

Sulla redazione di articoli ancora ci sto lavorando… non a caso il mio soprannome è quello di “uomo sintesi”….. ce la farò (e ce la faranno i miei colleghi Volonwrite!) a cavarmi più di due righe?