NewsSport&Disabilità

Pioggia di medaglie per la Canottieri Armida

È stato un weekend davvero prolifico per l’Armida, impegnata in tre importantissime manifestazioni di para-rowing, il canottaggio praticato da persone con disabilità. Per la società canottieri torinese sono arrivate ben 15 medaglie: 8 ori, 5 argenti e 2 bronzi.

La Società Canottieri Armida è stata una delle prime, in Italia, a credere nelle potenzialità del para-rowing, creando un proprio settore dedicato: merito soprattutto della volontà del Presidente Gian Luigi Favero e dalla competenza del tecnico Cristina Ansaldi, ideatrice del progetto. Nel corso degli anni, la squadra si è specializzata nel promuovere la disciplina soprattutto tra le persone con disabilità intellettiva, che nel canottaggio trovano una modalità per esprimere le proprie potenzialità sportive e un ottimo strumento verso l’autonomia e l’indipendenza. Nelle competizioni disputate lo scorso weekend gli atleti Armida iscritti sono stati 25: un successo che si può riscontrare anche nei risultati ottenuti.

Le maggiori soddisfazioni sono arrivate dai Giochi Nazionali Special Olympics, che si sono svolti da giovedì 11 a sabato 13 maggio nelle acque del Lago di Piediluco (Tr). Le medaglie d’oro sono state sei, ottenute nel Doppio LTA Maschile (Alessandro Rossi e Filippo Cardellino) e Femminile (Sarah El Laban e Francesca Grilli), oltre che nel 4x LTA (Sarah El Laban, Lorenzo Sforza, Riccardo Scappatura, Francesca Grilli ed il timoniere Edoardo Polverini) e al remoergometro indoor (Francesco Re, Riccardo Scappatura e Lorenzo Tarulli).

Di tutto rispetto anche il medagliere finale dei Campionati Internazionali di Para-Rowing di Gavirate (Va), dove all’oro di Davide Dapretto nel singolo PR1 Maschile si sono aggiunti i due argenti nel 4+ PR3ID (Marta Casetta, Margherita Merlo, Umberto Renato Giacone, Matteo Bianchi e Leonardo Zanin).

A chiudere la “quattro giorni” di gare in bellezza ci hanno pensato, sabato 13, i canottieri del team 8+ Blind Misto, composto da atleti con disabilità sensoriali visive e atleti normodotati in nome di una perfetta integrazione: fantastico oro alla Wienerachter 2017 di Vienna. Sulle acque del Danubio, Cristina Siletto, Emma Stella, Massimo Bregolin, Luca Maffiotti, Alessandro Varesano, Dario Campra, Sergio Prelato, Alberto Prudenzano e Francesca D’Emilio (timoniere) hanno sbaragliato la concorrenza arrivando davanti a tutti nella categoria Master D.

Post precedente

Torino: persona con disabilità cerca coinquilino per coabitazione

Prossimo post

Alba: il 27 maggio il convegno su sport e disabilità "Atleti nella Vita"

The Author

Marco Berton

Marco Berton