News

Più opportunità di vacanza per le persone con distrofia

Offrire opportunità di vacanza alle persone affette da distrofia muscolare di Duchenne e Becker e ai loro familiari, con particolare attenzione alle esigenze specifiche legate a queste patologie: nasce per questo la convenzione sottoscritta tra Parent Project – Associazione di genitori con figli affetti appunto da distrofia muscolare di Duchenne e Becker – e Village for all (V4A®), la nota rete che conferisce il marchio internazionale di qualità dell’ospitalità accessibile.

Offrire opportunità di vacanza alle persone affette da distrofia muscolare di Duchenne e Becker e ai loro familiari, con particolare attenzione alle esigenze specifiche legate a queste patologie, grazie all’assistenza tecnica di un tour operator specializzato, che potrà fornire un servizio professionale altamente personalizzato, attraverso prodotti e servizi mirati.
Nasce per questo la convenzione recentemente sottoscritta tra Parent Project – l’Associazione di genitori con figli affetti da distrofia muscolare di Duchenne e Becker, aderente alla FISH (Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap) – e Village for all (V4A®), la nota rete che conferisce il marchio internazionale di qualità dell’ospitalità accessibile, tra le cui principali creazioni vi è stata anche V4Inside, innovazione tecnologica e organizzativa nel processo di raccolta ed elaborazione dei dati relativi all’accessibilità delle strutture di accoglienza.
L’accordo, va sottolineato, permetterà anche di verificare, grazie al supporto di Parent Project, le esigenze informative e la necessità di servizi specifici che potranno essere sviluppati o integrati nella metodologia esistente già sviluppata con V4AInside, e di implementare le conoscenze necessarie allo sviluppo di corsi di formazione dedicati al personale di accoglienza e ospitalità delle strutture turistiche e di interesse turistico.

Data: 23/08/2016

Fonte: Superando.it

Post precedente

Cooperativa Capovolti, eccellenza dell’agricoltura sociale

Prossimo post

Il diritto allo studio e quell’iniqua divisione delle risorse

The Author

redazione

redazione