Associazione Volonwrite

Comunicazione Sociale sulla Disabilità

Lunedì 6 luglio si è svolto il primo dei quattro incontri del Laboratorio del Progetto Ben-Essere, che ha visto coinvolti uomini e donne con disabilità.
Nel laboratorio proposto, i risultati attesi non sono solo il viso truccato o le mani curate, ma un benessere generale della persona con l’intento di promuovere e stimolare percorsi di auto cura e cura del Sè.

Ben-Essere propone laboratori di “trucco e visagismo”, dove si possono apprendere le tecniche della make-up.
Trattandosi di veri e propri percorsi, essi iniziano già all’interno dei presidi ospedalieri per la cura e la riabilitazione,  per poi continuare presso la sede del Servizio Passepartout a dimissioni avvenute.
La dimensione di gruppo poi, aiuta e sostiene il singolo di modo che anche chi si trascura a causa di una profonda sofferenza interiore possa trovare quelle motivazioni che richiamano ad avere attenzione, rispetto e amore per il proprio corpo.

Il progetto Ben-Essere propone anche laboratori di camouflage durante i quali vengono effettuate ed insegnate tecniche atte a rendere meno evidenti gli inestetismi dovuti a cicatrici, ustioni o tumori della pelle.

Attraverso il trucco vengono coinvolti mente e spirito, comunicando un messaggio di riconoscimento delle proprie risorse interiori che passa attraverso
il ristabilirsi di un rapporto equilibrato con il proprio corpo seppur in situazioni di fragilità fisica e/o psicologica.
Sentirsi bene con sé stessi consente alla persona di interagire con l’ambiente in modo più sereno, equilibrato e immediato,  favorendo processi di autostima e di inclusione sociale.

Comments are closed.