NewsSport&Disabilità

Raduni FISPES di calcio amputati e atletica giovanile

Sono in programma in questi giorni i raduni di due discipline sportive della FISPES – Federazione Italiana Sport Paralimpici e Speciali: si tratta di calcio amputati e atletica paralimpica.

È iniziato ieri, presso il Campo Sportivo di Corlo di Formigine (MO), il primo raduno dell’anno della Nazionale Italiana di Calcio Amputati (recentemente entrata a far parte delle discipline gestite dalla Federazione Sportiva Paralimpica FISPES) in vista dei Mondiali messicani del prossimo autunno. Sono 24 (18 “veterani” più sei “debuttanti”, in totale, i ragazzi agli ordini dei tecnici Renzo Vergnani e Paolo Zarzana: fino a domenica 28 svolgeranno due sedute di allenamento al giorno ad ingresso libero, una mattutina (10.30) e una pomeridiana (15). La Nazionale disputerà anche un’amichevole, in programma oggi pomeriggio alle 15, contro la Nazionale Italiana Sacerdoti e incontrerà i ragazzi delle scuole durante alcuni momenti di sensibilizzazione. In chiusura di raduno, domenica mattina, ci sarà spazio per una dimostrazione di calcio integrato (praticato da persone con e senza disabilità insieme) con squadre miste composte da giocatori della Nazionale e ragazzi classe 2005 delle scuole calcio locali, dopodiché verranno diramate le convocazioni per il prossimo impegno ufficiale degli Azzurri: la Coppa della Fortuna a Fano. Di seguito le parole di Vergnani, tratte dal comunicato stampa ufficiale della FISPES: «Questo è un anno fondamentale per il nostro team. Vogliamo dimostrare di essere in grado di giocarcela alla pari con le squadre più forti ai Mondiali in Messico. È importante iniziare con la giusta grinta e concentrazione e non lasciare nulla al caso. Abbiamo programmato un anno ricco di impegni e di test match internazionali e il raduno di Corlo rappresenta un primo tassello fondamentale per costruire un gruppo compatto e affiatato». 

Si sono radunati questa mattina a Padova, invece, gli 11 giovani talenti dell’atletica paralimpica italiana convocati dal Direttore Tecnico Nazionale Vincanzo Duminuco per la FISPES Academy. L’obiettivo dell’iniziativa è quello di formare e allenare i nuovo campioni che dovranno costituire il cuore della Nazionale Italiana alle prossime Paralimpiadi di Tokyo 2020. Tra segnaliamo Riccardo Bagaini (T47 – Sempione 82) e Margherita Paciolla (T13 – Polisportiva Milanese), vincitori di sei medaglie ai Mondiali Giovanili di Notwill, Bianca Marini (T35 – Anthropos Civitanova), primatista Mondiale e oro negli 800 metri, Carlotta Bertoli (Veneto Special Sport) e Mattia Cardia (Fiamme Azzurre).

Post precedente

Merita tante adesioni quella petizione sull’Inclusione

Prossimo post

Italia in finale al Torneo di para-ice hockey di Torino

The Author

Marco Berton

Marco Berton