La Salute in Comune - 2014

Residenze Temporanee

introsharingLunedì 30 giugno, a La Salute in Comune in occasione del tema del giorno Housing Sociale, durante l’apericena culturale e le pillole di salute, si è parlato non solo di Coabitazione Sociale, ma anche di Residenze Temporanee.

Mario Ferretti, referente della Cooperativa DOC ci ha parlato di Sharing, un progetto di abitazione, recupero urbano e housing sociale temporaneo a Torino. Sharing inteso come condivisione di idee e abitazioni. La zona interessata è quella di Pietra Alta, vicino Falchera, nella zona nord di Torino nord. Il piccolo quartiere ha recuperato la propria identità, cambiano il nome da Quartiere Ventitrè a Quartiere Pietra Alta, una piccola fetta di Torino, ma popolatissima. Sharing è uno tra i più importanti esempi di housing sociale temporaneo in Italia. Si tratta di un intervento che ha permesso di convertire e riqualificare nel 2011 un ex immobile delle Poste Italiane in una struttura destinata a diverse forme di residenza sociale temporanea, che risponde alla domanda della cosiddetta fascia grigia della popolazione: giovani coppie, studenti (rapporti con l’università di pechino per gli studenti cinesi), lavoratori in trasferta e persone non in rete che non conoscono i servizi della città come gli stranieri.

Inoltre il progetto prevede altri servizi sia per il quartiere sia per chiunque lo desideri, come un ristorante, un dentista,e servizi educativi per minori (DOC infatti è una cooperativa di progettazione educativa), insomma un pacchetto di servizi completo che possa essere di pubblica utilità. Il progetto Sharing rappresenta un modello innovativo per la particolare attenzione all’ambiente e alla sostenibilità e per l’ampia offerta di servizi sociali, da quelli sanitari, alla promozione sociale, dal car sharing agli spazi commerciali.

Per Associazione Volonwrite
Vittoria Trussoni

Post precedente

Luoghi comuni

Prossimo post

La Salute in Comune - 30.06.2014

The Author

Giada Morandi

Giada Morandi

Ho inseguito tutti perchè si descrivessero, adesso però non ho più scuse… tocca a me!

Che dire?

Psicologa per passione, letteralmente inciampata nel mondo della comunicazione sociale nel 2007, grazie ad una borsa lavoro per persone con disabilità fisico-motoria presso il Servizio Passepartout del Comune di Torino.

In carrozzina da sempre (o quasi, ma mi sembra che la mia vita sia cominciata da lì!) oggi mi occupo di alcune attività legate al Progetto Prisma del Comune di Torino e della gestione di questo pazzo, colorato, vivace, allegro gruppo di ragazzi di Volonwrite.

….ma la prossima volta che ci viene in mente di aprire una sezione chi siamo sul sito, andiamo a berci un caffè?

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *