News

Reversibilità per figli inabili conviventi e non conviventi

L’Inps con Circolare n. 185/2015 fornisce alcuni chiarimenti riguardo alla pensione ai superstiti per i figli inabili conviventi e non conviventi: stato di bisogno economico e mantenimento abituale.

L’articolo 1, comma 41, della legge dell’ 8 agosto 1995, n. 335 e successive modifiche e integrazioni, ha disposto l’estensione della disciplina del trattamento pensionistico a favore dei superstiti di assicurato e pensionato vigente nel regime dell’assicurazione generale obbligatoria a tutte le forme esclusive e sostitutive di detto regime. In seguito alla soppressione dell’Ipost, a decorrere dal 31 maggio 2010 e dell’Inpdap ed Enpals, dal 1° gennaio 2012, l’Inps è succeduto in tutti i rapporti attivi e passivi degli Enti soppressi. Alla luce di tali disposizioni normative e al fine di garantire uniformità di trattamento ai superstiti di pensionati e assicurati delle diverse gestioni dell’Istituto l’Inps ha fornito le linee guida in materia di trattamento pensionistico di reversibilità.

La circolare in questione esamina alcuni punti importante come per esempio il requisito di vivenza a carico per la concessione della pensione di reversibilità per i figli maggiorenni inabili. Perché siano considerati a carico del genitore, devono trovarsi in uno stato di bisogno (non essere autosufficienti economicamente) e il pensionato, prima del decesso, provvedesse al loro sostentamento in maniera continuativa (art. 22, 7° comma, L.903/65).
Il requisito del carico risulta verificato al ricorrere delle seguenti due condizioni:

a) stato di bisogno del superstite, determinato dalla sua condizione di non autosufficienza economica con riferimento alle esigenze medie di carattere alimentare dello stesso, alle sue fonti di reddito, ai proventi derivanti dall’eventuale concorso al mantenimento da parte di altri familiari.

Continua a leggere su Superabile.it

Data: 25/01/2017

Post precedente

Fine vita, la maggioranza cerca mediazione: si allungano i tempi in aula

Prossimo post

Legge 104 e permessi da lavoro per assistere familiare disabile. Durata e attività consentite

The Author

redazione

redazione