News

Ridere della disabilità con DisaBill Kill

Ridere della disabilità è un bene o un male? Per noi di Volonwrite, l’autoironia e il non prendersi troppo sul serio rappresentano, fin dalla fondazione, uno dei capisaldi della nostra attività. Per chi ci conosce più da vicino, basta pensare alla personalità del nostro compianto Presidente e fondatore Vincenzo Langella per capire un po’ più nel dettaglio la nostra filosofia nei confronti della disabilità e della vita in generale. Sulla stessa lunghezza d’onda, è stato presentato il progetto editoriale DisaBill Kill – Sorridere della disabilità  di Pietro Vanessi e Tullio Boi.DisaBill Kill, che trasforma ironicamente il titolo del celeberrimo film di Quentin Tarantino, è un libro che vuole farci sorridere ma contemporaneamente riflettere sulla condizione delle persone con disabilità e sulla cultura che permea la società nei loro confronti. Per raggiungere il maggior numero di interlocutori possibile, i due autori hanno scelto uno dei canali di comunicazione più immediati della satira: la vignetta (Vanessi e Boi sono due vignettisti, quest’ultimo con disabilità). I disegni contenuti all’interno del volume sono di volti noti e meno noti del campo: Allegra, Biani, Bertella, Bozzetto, Campagna, Careddu, Corvi, Darix, Frago, Gava, Gianfalco, Gubitosa, Laurenzi, Lupini, Mangosi, Magnasciutti, Maramotti, Nardi, Passepartout, Rasori, Romaniello, Sam, Scalia, Sommacal, Stivali, Tauro, Totaro, Trucco, Uber, Uva e Vincino; la prefazione è stata affidata a uno dei mostri sacri della vignetta, la mente e la penna di Bobo Sergio Staino.

Il progetto è realizzato con il sostegno e il contributo della FISH, Federazione Italiana Superamento Handicap. Il linguaggio utilizzato dagli autori che hanno contribuito alla sua stesura è volutamente provocatorio e ha l’obiettivo di sensibilizzare il lettore a tematiche particolari come, ad esempio, le barriere architettoniche . Tanti gli interventi e le riflessioni scritte di personalità legate al mondo del  terzo settore e del giornalismo, raccolte in uno speciale Dizionario semi-serio sul mondo della disabilità: tra gli altri, segnaliamo Roberta Amadeo (AISM Associazione Italiana Sclerosi Multipla), Stefano Borgato (FISH), Alida Castagna e Fulvio De Nigris (Casa dei Risvegli Luca De Nigris), Marco Granata (Peter Pan), Sandrino Porru (CIP Comitato Italiano Paralimpico), Maurizio Torrealta (Il Fatto Quotidiano).

Disabill Kill può essere acquistato fino al 9 novembre sulla piattaforma di crowdfunding Produzioni dal Basso al prezzo promozionale di 10€ più 2€ di spese di spedizione, dopodiché il prezzo sarà di 16 €, con forti sconti e agevolazioni per gruppi ed associazioni che si occupano di disabilità. Il 50% del ricavato verrà devoluto alla FISH per finanziare progetti culturali e sociali.

Caratteristiche fisiche DisaBill Kill: 104 pagine, formato 10×15, copertina plastificata.

Post precedente

Trofeo Alberto Nappi: tre squadre a punteggio pieno

Prossimo post

Inserire la resa accessibile in quella Legge sul cinema

The Author

Marco Berton

Marco Berton