La Salute in Comune - 2014

Ritorno alla Terra

ritorno_alla_terra_verGiovedì 3 luglio a La Salute in Comune è stata protagonista l’alimentazione, con la tematica “Alimentare il corpo, nutrire l’Anima”.

Ad approfondire l’argomento, l’apericena culturale in compagnia del CISV, acronimo di Comunità Impegno Servizi e Volontariato. Il CISV è un’associazione che riunisce più attività: esiste un’ONG, organizzazione non governativa, svariati progetti di sviluppo in Africa e in America Latina, comunità di vita, progetti di educazione alla mondialità, progetti con i giovani con sede al El Barrio, centro di protagonismo giovanile e un giornale web “Volontari per lo sviluppo”.

Il progetto Ritorno alla terra nasce lo scorso ottobre 2013. Si tratta di un esperimento pilota, con l’obiettivo di portare in Italia quello che da cinquant’anni il CISV fa in America Latina e in Africa con il comparto di organizzazione non governativa e di cooperazione allo sviluppo, soprattutto in ambito agricolo, con organizzazioni di base contadine come piccole cooperative locali e contadini, aiutandoli a fare rete comunicare e commercializzare e attivare sinergie positive.

In Italia si sono organizzate attività simili, ma mai lavorando a stretto contatto con  i contadini. L’ idea oggi è quella di tessere dei legami con i giovani contadini che lavorano la terra e l’ambiente e proporre ad altri giovani di lavorare nelle loro aziende agricole per una settimana. Gli obiettivi sono dare una mano in azienda per comprendere il tipo di lavoro, cosa significa veramente “sporcarsi e mani” e poi confrontarsi quotidianamente con chi ha fatto questa scelta per capirne i vantaggi e gli svantaggi eventualmente. Il progetto parte da El Barrio, per spargersi in varie aziende agricole piemontesi.

Ritorno alla terra è un piccolo traguardo che ha portato alla nascita dell’Ortotour: tour che crea ponti tra la città e le aziende agricole in campagna. Riunisce le persone a Torino attraverso la condivisione di trasporti, per condurle nelle aziende agricole che aderiscono al progetto e far provare loro l’esperienza della semina, del raccolto, per poi condividere il pranzo ed eventualmente acquistare i prodotti.

Sarà creato un evento facebook per ogni tappa del tour.  Una tappa è già stata compiuta in Cascina Barban, in Val Borbera; la prossima, domenica 13 luglio a Cumiana, ospitati dalla Cascina dei Fruttasei; a settembre invece sarà la volta dell’Orto del Pianbosco a Fossano, dove si produrranno conserve di frutta in loco e infine il 12 ottobre  tutti nell’azienda di famiglia dell’operatrice Sara Frezzetti, dove avverrà la curiosa “semina del futuro”, un giornata europea in cui si semina a mano come nell’antichità, un modo simbolico ma efficace di produrre grano.

Per Associazione Volonwrite
Vittoria Trussoni

Post precedente

Alimentare il corpo, nutrire l'anima

Prossimo post

Carta di Riso e decoupage: un nuovo laboratorio a La Salute in Comune 2014

The Author

Giada Morandi

Giada Morandi

Ho inseguito tutti perchè si descrivessero, adesso però non ho più scuse… tocca a me!

Che dire?

Psicologa per passione, letteralmente inciampata nel mondo della comunicazione sociale nel 2007, grazie ad una borsa lavoro per persone con disabilità fisico-motoria presso il Servizio Passepartout del Comune di Torino.

In carrozzina da sempre (o quasi, ma mi sembra che la mia vita sia cominciata da lì!) oggi mi occupo di alcune attività legate al Progetto Prisma del Comune di Torino e della gestione di questo pazzo, colorato, vivace, allegro gruppo di ragazzi di Volonwrite.

….ma la prossima volta che ci viene in mente di aprire una sezione chi siamo sul sito, andiamo a berci un caffè?

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *