News

Sanzioni più alte per aziende che non assumono lavoratori con disabilità

Aumentano le multe per aziende inadempienti che non rispettano le quote previste dalla L. 68/99.

Vi abbiamo raccontato, solo qualche giorno fa, la storia di Danilo, ragazzo disabile di venticinque anni che da sette anni cerca, senza fortuna, un posto di lavoro. Come ci dimostra la storia di Danilo, e quelle di molte altre persone disabili e attualmente inoccupate o disoccupate, il binomio disabilità e lavoro è ancora un tasto piuttosto delicato.

Al netto della considerazione del momento ancora di crisi generale per il nostro Paese, ci si chiede però cosa non funzioni nei nostri strumenti di collocamento mirato, dato che in Italia da anni una legge prevede l’obbligo per i datori di lavoro con almeno 15 dipendenti di assumere quote di lavoratori con disabilità. La triste realtà è che legge 68/99 è ancora in larga misura bellamente ignorata, se si considera che nel nostro Paese otto disabili su dieci risultano disoccupati, con una quota del 45% di aziende che sfora gli obblighi di legge e paga, piuttosto che assumere lavoratori disabili, le multe previste per gli inadempienti.

MULTE PIÙ SALATE – Proprio sulle sanzioni vi diamo oggi conto di un recente intervento del Governo, un decreto legislativo correttivo al Jobs Act (Decreto legislativo n.151 del 14 settembre 2015) ed entrato in vigore lo scorso 24 settembre. Vediamo cosa cambia.
In sostanza, vengono rideterminate le sanzioni a carico del lavoratore che non ottempera al suo obbligo di assunzione di lavoratori appartenenti alle categorie protette. E l’aumento è considerevole. Fino a questo momento, infatti, la sanzione era di 62,77 Euro per ogni giorno lavorativo durante il quale risulti non coperta la quota di assunzioni obbligatorie entro 60 giorni da quando è scattato l’obbligo. Oggi questa sanzione è stata aumentata: il datore di lavoro che non assolve il suo obbligo di collocamento di persone con disabilità dovrà pagare 153,20 Euro per ogni giorno di non copertura e per ciascun disabile non assunto (ovvero 5 volte la misura del contributo esonerativo).

Continua a leggere su Disabili.com

Data: 07/10/2016

Post precedente

L'Italia ai Campionati Europei di rugby in carrozzina

Prossimo post

Un cromosoma in più, mille vite possibili

The Author

redazione

redazione