News

Scuola e disabilità. Centri Territoriali di Supporto (CTS) e Centri Territoriali per l’Inclusione (CTI): cosa sono?

Inclusione scolastica e territorialità: il lavoro di rete per diffondere le buone pratiche. Nelle settimane scorse ci siamo occupati dei gruppi di lavoro che operano a livello scolastico, provinciale e regionale per favorire i processi di inclusione. Oltre a questi gruppi, però, esistono anche altri centri di tipo territoriale con funzioni precipue e sinergiche riguardanti l’inclusione: i CTS ed i CTI. La Direttiva del 27/12/12 si dilunga molto su entrambi, distinguendo i differenti ruoli dei Centri Territoriali di Supporto (CTS), quale interfaccia fra l’Amministrazione e le scuole, nonché rete di supporto al processo di integrazione ed i Centri Territoriali per l’Inclusione (CTI), centrati sull’autonomia scolastica e sugli organici di rete (scuole, reti di scuole ed ambiti provinciali).

CTS – I Centri Territoriali di Supporto sono stati istituiti dagli Uffici Scolastici Regionali in accordo con il MIUR mediante il Progetto Nuove Tecnologie e Disabilità ed hanno ormai un’attività decennale. Sono collocati presso scuole polo e la loro sede coincide con quella dell’istituzione scolastica che li accoglie. La direttiva del 27/12/12 ha sottolineato l’importanza di avere almeno un CTS su ogni territorio provinciale, che possa fungere da punto di riferimento immediato. Al centro delle funzioni dei CTS è la capacità delle nuove tecnologie di raggiungere obiettivi di miglioramento nel processo di apprendimento e insegnamento, sviluppo e socializzazione. I CTS informano i docenti, gli alunni, gli studenti e i loro genitori delle risorse tecnologiche disponibili, sia gratuite sia commerciali. Inoltre, organizzano iniziative di formazione sui temi dell’inclusione scolastica, nonché nell’ambito delle tecnologie per l’integrazione, rivolte al personale scolastico, agli alunni o alle loro famiglie, fornendo anche consulenza nell’individuazione delle scelte opportune, sia per gli ausili che in merito alle modalità didattiche adeguate ad essi nelle diverse situazioni. I CTS raccolgono le buone pratiche di inclusione realizzate dalle istituzioni scolastiche e le condividono con le scuole del territorio di riferimento.
Sono inoltre centri di attività di ricerca didattica e di sperimentazione, da realizzare anche mediante la collaborazione con altre scuole o CTS, Università e Centri di Ricerca. I CTS possono farsi promotori di intese e accordi territoriali con i servizi sociosanitari del territorio, finalizzati all’elaborazione condivisa di procedure per l’integrazione dei servizi, l’utilizzo condiviso di risorse e l’avvio di progetti. In ogni CTS dovrebbero essere presenti tre operatori fra i docenti curricolari e di sostegno, tenuti a partecipare a momenti formativi in occasione di eventi, territoriali e nazionali. Inoltre, possono dotarsi di un Comitato Tecnico Scientifico col compito definire le linee generali di intervento. Sono previsti rappresentanti regionali, con compiti di raccordo, consulenza e coordinamento delle attività. Infine, è costituito presso il MIUR il Coordinamento nazionale dei CTS.

Continua a leggere su Disabili.com

Data: 27/10/2016

 

Post precedente

Disabilità, 80 milioni di cittadini europei non accedono ai siti web

Prossimo post

Parte a Torino il Master Universitario sull’autismo

The Author

redazione

redazione