News

Sessismo Linguistico: arriva Vocabolaria.

2015, discriminazione sessuale: si tratta di uno dei temi scottanti  che  animano le discussioni più accanite riguardanti le pari opportunità, realtà o utopia?

Se da un lato le donne hanno ottenuto riconoscimenti sulla carta pari agli uomini, è pur vero che l’orientamento della società resta prettamente maschilista, a partire dalla stessa grammatica italiana!

Le radici del sessismo affondano le loro caratteristiche nelle comuni espressioni della lingua: perché sindaco sì e sindaca no? Ministro sì e ministra no? Le autrici di “Vocabolaria-Dire la differenza” –Cristina Biasini, Carlotta Cerquetti e Giorgia Serughetti– vogliono esprimere il loro dissenso a tale proposito, all’interno del progetto dell’associazione Piano F. Citando: “Ciò che non si dice non esiste, e non nominare le donne è come cancellarle” .
Secondo l’Accademia della Crusca il problema non è grammaticale poiché si tratta di usi regolari del femminile in italiano. Il problema è culturale.
Il progetto vuole quindi sovvertire gli stereotipi, non la grammatica.
Una breve serie di 14 schede affronta i dubbi linguistici più ricorrenti come “Si dice il giudice donna, la giudicessa o la giudice?”, e le risolvono con praticità, affermando per esempio che “giudice, come presidente, capostazione o manager, è un nome maschile e femminile insieme: che si parli di uomini o di donne, rimarrà invariato. Gli elementi che richiedono la concordanza di genere saranno maschili o femminili a seconda del caso. Diremo quindi: la giudice, la presidente, la capostazione, la manager, proprio come la badante, la caposala, la rapper ola paziente”. E così via applicando le regole della grammatica italiana per altri femminili che creano dubbi o imbarazzi come ministra, sottosegretaria, rettrice, direttrice, assessora, avvocata o chirurga.
Guarda a caso”, commenta Cristina Biasini a Redattore Sociale, “il problema non riguarda parole che segnalano lavori femminili comuni come infermiera, maestra o cuoca, e nemmeno professioni più recenti ma non particolarmente prestigiose, come postina, ma nomi che segnalano posizioni tradizionalmente precluse alle donne o in cui le donne ancora faticano ad essere adeguatamente rappresentate, come quelle della politica, della magistratura, e di alcune libere professioni”.
Tutti i materiali di Vocabolaria saranno disponibili gratuitamente dal 9 marzo sul sito di Piano F.
(Informazioni dettagliate tratte dal sito redattoresociale.it)

Claudia Cespites

Post precedente

Regala il panino a un uomo invalido: multato perchè non emette lo scontrino

Prossimo post

Ma se invece di fare la guerra alle droghe si dessero le medicine ai poveri?

The Author

Claudia Cespites

Claudia Cespites

Ci sono persone che da subito nascono con la vocazione per il mondo del sociale: sognano di diventare educatori, assistenti sociali, insegnanti.
E poi ci sono persone che nel colorato panorama del sociale ci "inciampano" per caso, come è successo a me. A differenza di tanti miei colleghi dell'associazione io provengo da un mondo completamente differente, con studi in comunicazione e marketing e con un contratto di lavoro come addetta ufficio presso un supermercato alimentare: ero abituata a confrontarmi con numeri e dati, più che con le persone.
Ma a volte, per fortuna, la vita ti riserva percorsi di crescita personale e professionale imprevedibili, che cambiano completamente il tuo modo di pensare e la prospettiva con cui ti rapporti a ciò che ti circonda.
Da quando, due anni fa, ho risposto a quell'annuncio di stage in comunicazione sociale presso l'Associazione Volonwrite, la mia vita è cambiata.
Ad oggi mi chiedo come sarebbero stati i miei giorni senza questa realtà: sicuramente più grigi, più "soli" e più superficiali...
A Volonwrite devo tantissimo: per me si tratta di una seconda famiglia, più che di un'associazione...e si sa, la famiglia non si abbandona mai!