News

Spesa online a domicilio per disabili e anziani: ecco chi vi offre il servizio gratis o a prezzo agevolato

Ecco quali supermercati garantiscono un servizio di spesa a domicilio per disabili e anziani, con consegna gratuita o fortemente scontata

fare la spesa da casa, fare la spesa online, fare la spesa online conviene, come fare la spesa online, come fare la spesa da casa,

Il fenomeno della spesa on line è in vistosa crescita: al posto che recarsi nei supermercati perdendo ore in cassa e spaccandosi la schiena per portare pesanti buste a casa, alcune catene offrono la possibilità di scegliere i prodotti dal proprio pc, pagare alla consegna o con carta di credito, e dover solamente aprire la porta di casa per ricevere sul proprio pianerottolo i sacchetti. Questa opportunità è particolarmente utile per anziani e disabili; abbiamo quindi fatto una ricerca selezionando i grandi marchi che offrono i migliori servizi, anche gratuiti, in tal senso per queste categorie.

Partiamo da Esselunga che offre la possibilità di fare la spesa online e farsela consegnare a casa anche nel giro di poche ore. La consegna fino a 5 ceste di spesa costa 6,20 euro, mediamente, ma per le persone che hanno più di 70 anni si applica un’agevolazione tariffaria quasi del 50% sulle spese di consegna.  I disabili, invece, potranno usufruire della consegna gratuita a patto che, al momento della prima consegna, esibiscano all’addetto il certificato per l’accertamento degli stati di invalidità rilasciato dalla ASL competente. Si può usufruire di queste agevolazioni dal lunedì al venerdì fino alle 18.00. Nelle altre fasce orarie, il costo della consegna è standard. Per info: numero verde 800-666555 (dal Lunedì al Venerdì dalle 08:30 alle 22:00, il Sabato dalle 08:30 alle 20:00)

Adesso veniamo ad un altro tipo di servizio che moltissimi supermercati offrono. Si tratta sempre di un aiuto importante ma che non elimina del tutto il problema in casi di grave disabilità o condizioni difficili di deambulazione per gli anziani. Come funziona? Si fa la spesa personalmente presso il supermercato ma, una volta imbustata, non dobbiamo trascinarla fino alla macchina – se ne siamo in possesso – o sui mezzi pubblici, bensì la facciamo spedire a casa. Nei supermercati Simply che offrono questa possibilità si comunica alla cassiera l’intenzione di farsi recapitare a casa la spesa dopo averla pagata e imbustata. Anche in questo caso sono previste tariffe speciali per gli over 65 e disabili per una sola consegna settimanale nelle quantità previste per la tariffa base. Per usufruire di questa possibilità la disabilità indicata deve essere almeno del 67% o maggiore.

Stessa servizio offerto anche da Unes: si fa la spesa, la si lascia in cassa e la si fa comodamente spedire a casa. I clienti over 65 godranno di una tariffa di consegna agevolatissima ovvero di € 1,90, mentre i clienti diversamente abili (con invalidità superiore al 67%) avranno la consegna gratuita. Ciascun servizio comprende il trasporto di 3 ceste + 3 fardelli di acqua o bibite (confezioni da 6 bottiglie da L 1,5 ciascuna). Va inoltre sottolineato che in alcune specifiche zone d’Italia sono disponibili servizi di spesa a domicilio presso grandi supermercati ma non si tratta di una politica che si estende omogeneamente in tutte le zone dello Stato, per questo le opportunità cambiano di città in città.

Fonte: urbanpost.it

(s.c./l.v.)

Post precedente

Il test che ti dice se hai l’ADHD

Prossimo post

VIVERE LA DISABILITA': “FIORI DI SPARTA” INCONTRA MASSIMILIANO VERGA

The Author

Simone Croce

Simone Croce

Mi chiamo Simone, sono nato nel 1990 e mi definiscono il cuore sportivo del gruppo: non c’è disciplina sportiva – olimpica e paralimpica – di cui non abbia notizia in merito a punteggi, giocatori, livelli in classifica.

Nell’ultimo anno, mi sono lanciato in una nuova avventura di speaker radiofonico e conduttore di video interviste scoprendo un lato di me ironico e socievole.

Sulla redazione di articoli ancora ci sto lavorando… non a caso il mio soprannome è quello di “uomo sintesi”….. ce la farò (e ce la faranno i miei colleghi Volonwrite!) a cavarmi più di due righe?