News

Strumenti musicali per la disabilità

Realizzati dalle associazioni Accordiabili e Informatici senza Frontiere

Sono diverse le soluzioni inventate per permettere alle persone con disabilità appassionate di musica di suonare strumenti musicali appositi per le loro esigenze. Questa opera è portata avanti dall’ associazione Accordiabili, in collaborazione con l’associazione tecnologica  Informatici senza Frontiere.

L’Associazione AccordiAbili è nata a Fasano nel 2011,con l’obiettivo di promuovere la ricerca e lo sviluppo di tecnologie in grado di avvicinare un disabile all’utilizzo di uno strumento musicale (Progetto eMotion).

Gli strumenti creati

Come inizio ha realizzato una tromba personalizzata per il presidente Vincenzo Deluci, suonatore jazz rimasto tetraplegico dopo un incidente stradale, che si può suonare tramite il joystick della sedia a ruote ed un sistema di sensori collegati a una scheda per computer. Successivamente tramite l’associazione ed i tecnici di Informatici senza Frontiere si è cercato di sviluppare e trasferire questa esperienza ad altri casi di disabilità.

Per questo sono stati progettati e creati altri strumenti, attraverso  tecnologie particolari per renderne possibile l’utilizzo a chi ha esigenze speciali. Tra questi un clarinetto basso per  Francesco Nurra, musicista sassarese con mobilità limitata, azionato da tasti posti su manopole realizzate con stampanti 3D, in cui viene modulata l’aria introdotta ed un sintetizzatore riproduce i suoni digitati.

Si stanno sperimentando anche altri strumenti musicali, come un pianoforte adattato per una persona che non può muovere le braccia all’altezza dello strumento, una batteria per un giovane con disabilità alle articolazioni.

Gli eventi musicali

Ma per sviluppare tutti i progetti AccordiAbili ha bisogno di notevoli risorse finanziarie, che si prefigge di raccogliere attraverso la produzione di eventi musicali, teatrali e di formazione professionale. Anche per questo è stato presentato alla Regione Puglia il progetto “La musica per tutti MusicAbile – StrumentAbili – FestivAbile” finanziato dall’Avviso pubblico per le organizzazioni giovanili – Laboratori Urbani Mettici Le Mani.

L’associazione, inoltre, si avvale della collaborazione di volontari e amici, i “SognatoriAbili“, che portano nelle strade i lavori della musica e dell’integrazione.

Fonte: sociale.it

(s.c./s.f.)

Post precedente

La maturità di Elio, disabile: «Il mio diploma è una vittoria di tutti»

Prossimo post

A 10 anni disegna un nuovo simbolo per le toilette dedicato alle «disabilità invisibili»

The Author

Simone Croce

Simone Croce

Mi chiamo Simone, sono nato nel 1990 e mi definiscono il cuore sportivo del gruppo: non c’è disciplina sportiva – olimpica e paralimpica – di cui non abbia notizia in merito a punteggi, giocatori, livelli in classifica.

Nell’ultimo anno, mi sono lanciato in una nuova avventura di speaker radiofonico e conduttore di video interviste scoprendo un lato di me ironico e socievole.

Sulla redazione di articoli ancora ci sto lavorando… non a caso il mio soprannome è quello di “uomo sintesi”….. ce la farò (e ce la faranno i miei colleghi Volonwrite!) a cavarmi più di due righe?