News

Tecnologia: arrivano i primi robot per bambini con disabilità agli arti superiori

Santa Marinella (Rm) – Arm-hand e Wrist, questi i nomi dei due robot, primi nel Lazio, donati dalla Fondazione Roma all’ospedale pediatrico Bambino Gesù di Santa Marinella. Offrire la possibilità a bimbi con disabilita’ funzionali degli arti superiori di tornare ad afferrare e manipolare gli oggetti. L’ospedale pediatrico Bambino Gesu’ di Santa Marinella ha presentato questa mattina questi due robot per la riabilitazione motoria pediatrica che aiuteranno circa 100 bambini con disabilita’ ogni anno. Si tratta di macchinari di ultima generazione per il trattamento riabilitativo di patologie sia congenite che acquisite del sistema nervoso e del muscolo scheletrico.

Arm-hand e’ dedicato alle mani, Wrist ai polsi, come da traduzione letteraria. Entrambi possono essere adattati ai pazienti durante la crescita e permettono ai medici di registrare i progressi dei piccoli pazienti. Alla conferenza stampa di presentazione dei robot erano presenti il presidente di Fondazione Roma, Emmanuele Emanuele, e il presidente dell’ospedale Bambino Gesu’,Marinella Enoc.

La ricerca e l’innovazione non si devono fermare e quindi anche oggi e’ un momento importante per tutto l’ospedale perchè attraverso questo centro di riabilitazione, collegato al dipartimento di Neurologia, ancora una volta diciamo che non ci vogliamo fermare ma vogliamo andare avanti“. Questo e’ il commento del presidente dell’Ospedale Bambino Gesù, Mariella Enoc, dopo la presentazione dei due robot per la neuroriabilitazione donati da Fondazione Roma alla sede di Santa Marinella.

E’ un obiettivo positivo che con il Bambino Gesu si e’ realizzato. Dico questo perchè le difficoltà che incontriamo nel dare alle strutture sanitarie spesso ci scoraggiano. Con il Bambino Gesu’ abbiamo una costante di successo. Questa e’ una struttura di grande efficienza. La risposta alle nostre aspettative di dare una mano, di contribuire, e’ immediata“. Sono le parole di Emmanuele Emanuele, presidente di Fondazione Roma, dopo la conferenza stampa di presentazione dei due robot donati proprio dalla Fondazione Roma all’Ospedale Bambino Gesù di Santa Marinella.

Fonte: diregiovani.it

(s.c./m.n.)

Post precedente

I mille volti dell’ipovisione

Prossimo post

Prove di protesi per la mia prossima mano stampata in 3D

The Author

Simone Croce

Simone Croce

Mi chiamo Simone, sono nato nel 1990 e mi definiscono il cuore sportivo del gruppo: non c’è disciplina sportiva – olimpica e paralimpica – di cui non abbia notizia in merito a punteggi, giocatori, livelli in classifica.

Nell’ultimo anno, mi sono lanciato in una nuova avventura di speaker radiofonico e conduttore di video interviste scoprendo un lato di me ironico e socievole.

Sulla redazione di articoli ancora ci sto lavorando… non a caso il mio soprannome è quello di “uomo sintesi”….. ce la farò (e ce la faranno i miei colleghi Volonwrite!) a cavarmi più di due righe?