News

Tedacà e La Salute in Comune


Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /web/htdocs/www.volonwrite.org/home/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /web/htdocs/www.volonwrite.org/home/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Tedacà e La Salute in Comune - Associazione Volonwrite

 

Domenica 21 luglio –  L’Associazione Tedacà nasce nel 2002 ed è una compagnia di teatro. Ma non solo.
Offre laboratori di teatro, danza, canto a vari livelli e molto altro ancora, per permettere di esprimere a qualsiasi età sensibilità attraverso. Un gruppo di persone che riconosce all’arte il suo valore di divertimento, impegno, passione e sano protagonismo. Un luogo dove proporre i propri progetti e realizzarli con la partecipazione degli altri.

Tedacà è presente a la Salute in Comune da 4 anni. Simone Schiocca, direttore artistico dell’associazione ripercorre ai microfoni di Volonwrite l’edizione del 2013.

 

Simone, ormai Tedacà è un’istituzione della Salute in Comune. Una presenza organizzativa, scenica, e soprattutto culinaria. Facci un bilancio di queste tre settimane e mezzo.

Quest’anno è stata un’edizione straordinaria. Tantissime novità, tantissima gente, inoltre non è saltata nemmeno una serata per la pioggia, infatti ogni sera guardavamo il cielo per ringraziare. Straordinaria soprattutto perché abbiamo incontrato tante realtà bellissime, alcune persone ci resteranno davvero nel cuore. Molto alto anche il livello artistico musicale e straordinaria la collaborazione tra le associazioni che con poche risorse è riuscita a organizzare un evento di tutto rispetto. Quest’anno c’è stato proprio il salto di qualità e credo proprio che possa ambire a diventare una delle principali manifestazioni estive della città.

 

Tedacà è presente a la Salute in Comune da 4/5 anni. In che cosa è cambiato questo evento?

Il vero cambiamento dell’edizione è stato il legame e la collaborazione con le diverse realtà che hanno partecipato e soprattutto con voi di Volonwrite. Senza questo tipo di collaborazione non avremmo mai potuto realizzare così tanti interventi ogni giorno, a partire dal primo pomeriggio fino a tarda sera. Altro cambiamento è stato aver individuato la strada, la giusta via di comunicazione per attirare le persone, ovvero presentando temi interessanti sul benessere in maniera non noiosa e in un contesto piacevole e informale come quello dei giardini reali., dove la gente sa che se viene a mangiare o ad ascoltare musica prima assisterà ad  incontri di realtà e persone interessanti. E secondo me è questa la chiave di volta della manifestazione.

 

Siete riusciti a dare anche al punto ristoro un tocco di creatività proponendo alle ragazze di Tedacà di vestirsi ogni giorno in base a un tema diverso. Da chi è nata l’idea?

E’ nata da una sciocchezza. Essendo comunque noi attori, cantanti e ballerini chiamati per 24 giorni a svolgere la parte culinaria e logistico-organizzativa dell’evento, abbiamo deciso che fosse doveroso ricordare e ricordarci che comunque noi siamo artisti! Una sera scherzando ho lanciato una sfida alle ragazze: chi si fosse presentata vestita da Madonna in Like a Virgin, avrebbe vinto un picture disc da collezione di Madonna che avevo in casa. E da qui per 24 giorni hanno deciso di regalarci un tema diverso nonostante lavorassero per 24 ore.

 

Progetti futuri dell’associazione Tedacà?

Nelle prossime settimane decideremo il futuro dell’associazione, che ancora una volta decide di mettersi in gioco e investire sul personale che ci lavora. Abbiamo deciso di assumere in pianta stabile due persone per portare avanti un progetto iniziato l’anno scorso e che prevede la gestione di alte cariche da parte di persone giovani. Inoltre, stiamo improntando tutto il nostro percorso artistico sul tema della rinascita, della vita nuova. A fine gennaio cominceremo la turnee a partire dal teatro Astra per poi spostarci in tutta Italia, avvieremo una collaborazione con l’Università di Torino. Insomma non ci fermiamo mai.

 

Investimento sui giovani, valorizzazione dei talenti, la domanda viene da sé…il gruppo de i Moderni, famosi in tutta Italia e che sono anche passati da qui….

Stanno lavorando al nuovo album con Maurizio Lobina, un membro degli Eiffel65, e in autunno dovrebbe uscire.

 

Per concludere lasciaci con un’immagine di qualcosa che ti ha maggiormente colpito qui a la salute in comune di quest’anno

Io mi porto tre immagini. La prima è l’emozione provata nel vedere il trailer del documentario Luce Mia. Io stavo presentando ma è stato veramente difficile trattenere la commozione. Si tratta di un progetto strepitoso e noi di Tedacà stiamo cercando di capire come poter  aiutare nella realizzazione di questo docufilm.

Mi porto l’immagine delle Dragonette, queste pazze con le loro magliette rosa. La loro barca e le loro parole nonostante l’operazione al seno subita in seguito al tumore, mi è rimasta impressa la loro frase “noi non siamo delle sopravvissute ma delle vincitrici” e per ultima l’immagine del pubblico in piedi che balla lo stacchetto serale assieme alle ballerine. E’ stato emozionante vedere la gente divertirsi e godersi i momenti di ilarità. Il divertimento è salute.

 

Per Associazione Volonwrite

Vittoria Trussoni

Post precedente

La Salute in Comune 2013: tempo di bilanci

Prossimo post

The winner is...

The Author

Giada Morandi

Giada Morandi

Ho inseguito tutti perchè si descrivessero, adesso però non ho più scuse… tocca a me!

Che dire?

Psicologa per passione, letteralmente inciampata nel mondo della comunicazione sociale nel 2007, grazie ad una borsa lavoro per persone con disabilità fisico-motoria presso il Servizio Passepartout del Comune di Torino.

In carrozzina da sempre (o quasi, ma mi sembra che la mia vita sia cominciata da lì!) oggi mi occupo di alcune attività legate al Progetto Prisma del Comune di Torino e della gestione di questo pazzo, colorato, vivace, allegro gruppo di ragazzi di Volonwrite.

….ma la prossima volta che ci viene in mente di aprire una sezione chi siamo sul sito, andiamo a berci un caffè?

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *