Associazione Volonwrite

Comunicazione Sociale sulla Disabilità

Venerdì 3 luglio, serata a 4 zampe: il tema è stato la pet therapy, la disciplina che prevede un approccio alla persona attraverso la mediazione con gli animali.

L’Associazione UAM, UmAnimalMente (Umani, Animali e Mente) è stata tra le protagoniste del dibattito: essa si propone di migliorare la qualità della vita delle persone attraverso un’apposita Scuola e percorsi di Pet Therapy ed educazione cinofila.

Ai microfoni di Volonwrite Miriam Borra, Presidente di UAM, e Arianna Pallard, del consiglio direttivo dell’Associazione, hanno raccontato la loro esperienza.

Il focus d’attenzione è appunto la pet therapy,  interventi assistiti con i cani per realizzare progetti di educazione, attività e terapie nelle scuole con i bambini, nei centri con gli anziani e con persone con disabilità fisiche o cognitive.

C’è la possibilità anche per gli esterni di frequentare corsi di formazione e proprio nel 2015 sono uscite le linee guida nazionali con un accordo tra Stato e Regioni; queste direttive organizzano la pet therapy sul territorio nazionale, riconoscendola. Si è dato così spazio a professionisti che, insieme ai propri animali, si impegnano a garantire benessere con terapie e interventi . I corsi di formazione sono costituiti da un numero consistente di ore che prevede uno studio teorico correlato ad un tirocinio pratico.

Il gruppo di lavoro è formato da una équipe multidisciplinare con figure professionali   diverse –tra cui educatrici cinofile- che strutturano progetti e realizzano poi azioni sul campo da quasi sette anni.

Tra le varie soddisfazioni raggiunte vi è sicuramente quella relativa a “Piccoli amici a 4 zampe”, progetto finanziato dalla Provincia e realizzato in collaborazione con la Città di Torino, oltre ad impegni ambiziosi intrapresi co la Cooperativa Sociale Puzzle ed il poliambulatorio medico Villa Iris.

Comments are closed.