NewsSport&Disabilità

Torna il bando nazionale “Lo sport per tutti a scuola” del CIP

Anche quest’anno, il Comitato Italiano Paralimpico propone il bando di gara nazionale “Lo sport per tutti a scuola”, destinato alle società sportive che presenteranno progetti volti alla promozione dell’attività sportiva per persone con disabilità all’interno degli istituti scolastici italiani. L’iniziativa fa parte del progetto “Dall’avviamento a Rio 2016”.

“Lo sport per tutti a scuola”, promosso in collaborazione con la Fondazione Terzo Pilastro, ha come obiettivo il pieno coinvolgimento degli studenti con disabilità nelle attività sportive svolte presso gli Istituti Secondari di primo e secondo grado (media e superiore). Verranno quindi considerate tutte le attività e i progetti volti a favorirlo, studiati in sinergia tra le organizzazioni: di particolare importanza, a questo proposito, sono le opportunità di apprendere attraverso il proprio corpo, sviluppare globalmente la propria personalità sul piano psico-motorio e avvicinarsi alla pratica e alla competizione sportiva.

Il bando è stato studiato appositamente per tutte le società sportive affiliate alle federazioni riconosciute dal Comitato Paralimpico; la cifra totale messa a disposizione è di 50000 €, mentre ogni singolo progetto vincitore riceverà un contributo di 2500 €. Ogni società dovrà preventivamente stipulare un accordo di collaborazione con uno o più istituti scolastici.

La domanda di partecipazione va inviata, entro e non oltre lunedì 16 gennaio, al CIP – Ufficio Avviamento e Scuola (scuola@comitatoparalimpico.it); ad essa vanno allegati: la scheda di sintesi progettuale, il piano finanziario con preventivo di spesa e il progetto vero e proprio (redatto su carta intestata) firmato dal presidente della società e dal dirigente scolastico (i documenti sono scaricabili qui).  Riceveranno il contributo i migliori 20 progetti, scelti dalla Commissione Nazionale Scuola del CIP in base ai seguenti criteri: il coinvolgimento di almeno 5 studenti con disabilità, un programma di attività sportive, la gestione da parte di personale qualificato (Laurea in Scienze Motorie e affini) e la stipula di una convenzione gratuita con il CIP.

Post precedente

Su Facebook il nome del trans sarà quello del gender

Prossimo post

Caironi e Zanardi premiati ai Gazzetta Sports Awards

The Author

Marco Berton

Marco Berton