NewsSport&Disabilità

Tris Mondiale per Bertagnolli e Casal: argento in gigante

I Mondiali di sci alpino paralimpico, che si chiudono oggi a Tarvisio (UD), stanno continuando a regalare grandi emozioni e grandi vittorie ai tifosi azzurri. La coppia d’oro dei visually impaired (atleti con disabilità visiva) Giacomo Bertagnolli e Fabrizio Casal, infatti, negli ultimi giorni di gare hanno completato la tripletta conquistando un oro e un argento.

La leggenda è iniziata sabato scorso, quando Bertagnolli e Casal hanno conquistato il titolo mondiale di categoria in supercombinata. I ragazzi della Sportabili Trento Onlus hanno disputato una gara quasi perfetta, concludendo in testa il Super Gigante e ripetendosi, poco dopo, nello slalom. Alle loro spalle si sono piazzati i canadesi Marcoux e Leitch e gli slovacchi Krako e Brozman. Una grandissima emozione per i due giovanissimi atleti (18 anni Bertagnolli, 17 Casal), confermate con le parole riportate dal sito ufficiale della FISIP: Fortunatamente abbiamo imparato a gestire la tensione, ha commentato Bertagnolli; Vincere in casa è veramente bello, non capita tutti i giorni ha aggiunto Casal.

La tripletta è arrivata, invece, ieri sulla pista di Prampero. Jack e Fabry (così come sono amichevolmente soprannominati) hanno conquistato il metallo mancante in gigante, piazzandosi secondi dietro alla solita coppia canadese Marcoux/Leitch. Terzo posto per gli spagnoli Maiztegui/Garces. Per i due sono arrivate anche le congratulazioni del Presidente del CIP Luca Pancalli: «Complimenti, ragazzi, per l’ennesimo podio ottenuto a questi Mondiali: anche oggi siete stati in grado di gestire al meglio la tensione, trasformandola in energia e carica per portare a casa la terza medaglia iridata, un risultato che vi proietta di diritto tra i grandissimi dello sci paralimpico italiano. Siete riusciti a portare sulle vostre spalle il peso e la responsabilità di dover dimostrare tutto il vostro valore e lo avete fatto con estrema professionalità, conseguendo un risultato storico, che dà lustro a voi, all’intera Fisip e a tutto lo staff tecnico che vi segue e vi supporta. Oggi avete scritto una nuova straordinaria pagina di successi per lo sport paralimpico azzurro e di questo dovete esserne consapevoli».

Post precedente

Sanità, E-health: un decalogo per aiutare i cittadini contro le bufale della rete

Prossimo post

Regali d’amore creati da persone con disabilità

The Author

Marco Berton

Marco Berton