News

Un giro in bici che fa bene al diabete

Mercoledì 7 settembre il team dell A.S.D. Tivoli Gentleman Cafè Portioli, ha raggiunto la città di Torino, quarta tappa del progetto tour “il diabete…non è una gara”.

Il gruppodiabete2 dei sei ciclisti, diabetici e non, capitanata da Francesco Zazza, ha fatto visita all’Ospedale Infantile Regina Margherita di Torino dove è stato accolto dai ragazzi di A.G.D. Piemonte e Valle d’Aosta.

Il tour , ideato proprio da Zazza, con il supporto di Feder Diabete Lazio e ALAD (Associazione Attìvati con il Diabete),è partito dalla città di Tivoli ha fatto tappa a Viterbo, Perugia, Firenze, Genova, Torino, Milano, Verona, Padova con tappa di arrivo a Trieste, per un totale di circa 1200 km percorsi. L’obiettivo del progetto, oltre a sensibilizzare e dare informazioni sul diabete, è stato quello di raccogliere informazioni sulla situazione diabetologica delle regioni toccate dal tour, in particolare per conoscere le associazioni e il loro operato a livello territoriale.

Uno dei messaggi principali che Zazza e gli altri atleti hanno portato in giro per l’Italia è stato proprio l’importanza dello sport e del suo ruolo fondamentale nella gestione della patologia. Numerosi sono infatti gli studi a favore di questa tesi, sostenuta anche dalla dott. ssa Ivana Rabbone, diabetologa pediatra dell’ospedale Regina Margherita di Torino presente all’arrivo dei ciclisti, sostenitrice dello sport senza limitazioni, praticato in sicurezza, anche dalle persone con diabete.

L’incontro con le associazioni nelle diverse regioni raggiunte ha permesso la raccolta di importanti informazioni: è emerso infatti un aumento dei casi di persone con diabete, maggiormente in età pediatrica. Allo stesso tempo ha riportato dei riscontri positivi che riguardano soprattutto l’efficacia del lavoro svolto dalle realtà associative territoriali. Ciò è quanto riporta Zazza durante l’incontro Volonwrite, sottolineando l’importanza di maggiore coordinamento tra le diverse organizzazioni, con l’obiettivo di incrementare e facilitare l’informazione e la divulgazione delle conoscenze.

A.G.D. Piemonte e Valle d’Aosta ha colto questa occasione proprio per entrare in contatto con   questo progetto itinerante, condividendo e scambiando le proprie esperienze, nell’ottica comune di creare una rete sempre più grande di collaborazione e dialogo tra le numerose realtà, malgrado la distanza che le separa, solo geograficamente.

 

Catia Marinelli per Volonwrite

Post precedente

CTRS, un aiuto in più per i bambini autistici

Prossimo post

Dall’angelo virtuale al bastone smart, le idee per combattere la sclerosi multipla con la tecnologia

The Author

Simone Croce

Simone Croce

Mi chiamo Simone, sono nato nel 1990 e mi definiscono il cuore sportivo del gruppo: non c’è disciplina sportiva – olimpica e paralimpica – di cui non abbia notizia in merito a punteggi, giocatori, livelli in classifica.

Nell’ultimo anno, mi sono lanciato in una nuova avventura di speaker radiofonico e conduttore di video interviste scoprendo un lato di me ironico e socievole.

Sulla redazione di articoli ancora ci sto lavorando… non a caso il mio soprannome è quello di “uomo sintesi”….. ce la farò (e ce la faranno i miei colleghi Volonwrite!) a cavarmi più di due righe?