News

Un video che commuove il web

 

Uno splendido esemplare di Labrador e un bimbo dolcissimo, affetto da sindrome di Down: sono loro i protagonisti del video che sta facendo sorridere il web. La scenografia è semplice, scarna: un muretto a cui il bambino si appoggia e nulla più, perché la concentrazione è focalizzata sui due soggetti che, pur non parlando, deliziano chi li osserva di un dialogo che di parole non necessita affatto.

Un esempio di rapport innato che l’animale riesce ad istaurare con l’essere umano, e dalle cui mosse ha preso il via quella che è comunemente chiamata pet-therapy. Il suo termine italiano è “zooterapia” e si tratta di una psicoterapia dolce per curare diverse patologie fisiche e psichiche, basata sull’interazione delle persone con cani e gatti,ma anche criceti, conigli, asini, capre, cavalli ed infine delfini.

La pet teraphy nacque nel 1953 quando lo psichiatra infantile Boris Levinson, alle prese con un piccolo paziente affetto da autismo, scoprì che il bimbo al contatto col suo cane, si mostrava più spontaneo e disponibile all’interazione.

La pet-therapy si è dimostrata molto utile nella riabilitazione di pazienti con disabilità, dove si parla soprattutto di ippoterapia o terapia equestre, e nello specifico con bambini affetti da autismo e sindrome di Down: è stato infatti appurato che il contatto con gli animali può aiutare a soddisfare certi bisogni come mancanza d’affetto, insicurezza, difficoltà nelle relazioni interpersonali, aiutando addirittura a recuperare alcune abilità perdute.

Gli animali infatti potenziano le cure mediche e alleviano disturbi psichici e depressione, tipica soprattutto nei bambini che a causa della malattia si trovano ricoverati per lunghi periodi in ospedale. E’ stato possibile constatare, negli ospedali dove si pratica la pet-therapy, che i bimbi che sono stati a contatto con gli animali ospitati dalla struttura hanno superato con maggiore serenità la trafila degli esami e della degenza, riuscendo a riacquistare il sorriso e un po’ di tranquillità e stabilità psicologica, abbandonando quella serie di disturbi (enuresi notturna, disturbi del sonno, disturbi dell’appetito e del comportamento) che si erano venuti a creare proprio a causa dello stress, della paura e della noia tipici dei periodi di ricoveri.

Da poco tempo, la pet-therapy si sta sperimentando anche nelle scuole italiane ed è rivolta a quei bambini o adolescenti che hanno difficoltà ad integrarsi con gli altri e con l’ambiente circostante serenamente. Si può trattare di ragazzi con disturbi neuromotori, cognitivi e/o comportamentali o che semplicemente hanno difficoltà a socializzare con i coetanei; gli amici a quattro zampe attivano la loro curiosità ma non solo, pare che risveglino la voglia di mettersi in gioco e  di migliorarsi.

L’animale riesce dove l’uomo fallisce. Ecco a voi il video in questione!

 

 

 

 

 

 

Post precedente

“Ti piacciamo ancora?”

Prossimo post

Yo decido! Il diritto all'interruzione di gravidanza va difeso

The Author

Claudia Cespites

Claudia Cespites

Ci sono persone che da subito nascono con la vocazione per il mondo del sociale: sognano di diventare educatori, assistenti sociali, insegnanti.
E poi ci sono persone che nel colorato panorama del sociale ci "inciampano" per caso, come è successo a me. A differenza di tanti miei colleghi dell'associazione io provengo da un mondo completamente differente, con studi in comunicazione e marketing e con un contratto di lavoro come addetta ufficio presso un supermercato alimentare: ero abituata a confrontarmi con numeri e dati, più che con le persone.
Ma a volte, per fortuna, la vita ti riserva percorsi di crescita personale e professionale imprevedibili, che cambiano completamente il tuo modo di pensare e la prospettiva con cui ti rapporti a ciò che ti circonda.
Da quando, due anni fa, ho risposto a quell'annuncio di stage in comunicazione sociale presso l'Associazione Volonwrite, la mia vita è cambiata.
Ad oggi mi chiedo come sarebbero stati i miei giorni senza questa realtà: sicuramente più grigi, più "soli" e più superficiali...
A Volonwrite devo tantissimo: per me si tratta di una seconda famiglia, più che di un'associazione...e si sa, la famiglia non si abbandona mai!

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *