News

Una campagna di crowdfunding per la realizzazione della mostra Emotions!

È stata la lanciata una campagna di crowdfunding (attraverso la piattaforma Produzionidalbasso) per la raccolta di fondi a sostegno della realizzazione della mostra fotografica Emotions! sullo sport paralimpico. L’idea è nata dal fotografo torinese Mauro Ujetto con la collaborazione di altri professionisti.

Il progetto prevede la realizzazione, in tutto l’arco del 2016, di tre mostre fotografiche da svolgersi a Torino, Rio de Janeiro (in occasione delle Paralimpiadi) e Roma: 10 fotografi internazionali esporranno 30 scatti di atleti paralmpici con l’obiettivo di far emergere (al di là del contenuto tecnico e artistico) emozioni positive, facendo in modo di creare un clima di curiosità verso le storie delle persone protagoniste.

I partecipanti saranno (oltre allo stesso Ujetto): Roberto Serratore (Italia), Laurent Bagnis (Francia), Lieven Coudenys (Belgio), Inge Handebrink (Olanda), Marcus Hartmann (Germania), Yonathan Kellerman (Canada), Ralf Kuckuck (Germania), Luc Percival (Francia) e Helene Wiesenhaan (Olanda). Sono previsti, inoltre, alcuni workshop formativi.

Per partecipare al crowdfunding, è sufficiente collegarsi alla piattaforma (a questo link), registrarsi o accedere attraverso i social network e scegliere la quota che si vuole versare (20, 50, 100, 250, 500 o 1000 €). Ad ogni quota è stata associata una ricompensa, che ad aggiungersi alla pubblicazione del proprio nome sul pannello dei ringraziamenti all’ingresso della mostra: 1 foto da poter utilizzare come salvaschermo, 2 foto da salvaschermo, 12 fotografie da salvaschermo, 1 e-book con tutte le illustrazioni, 1 fotolibro 18×18 autografato e 1 fotolibro 18×18 personalizzato.

Le donazioni serviranno agli organizzatori per stampare le foto della mostra in formato grande e in alta risoluzione, realizzare l’allestimento e i momenti formativi. La mostra si farà anche in caso di mancato raggiungimento della quota totale richiesta.

Post precedente

Raccolta record per Telethon: 31,5 milioni di euro per la ricerca

Prossimo post

Fra i più grandi artisti molti erano “diversi”

The Author

Marco Berton

Marco Berton