News

Venezia accessibile, un giro in gondola senza barriere – VIDEO

Fino a qualche giorno fa salire in gondola non era affatto facile per le persone con disabilità in carrozzella. Qualche volta i gondolieri le hanno imbarcato a braccia per permetterle di fare tradizionale giro per i canali di Venezia. Come il piccolo Nicolò Nazzari, che sognava di poter vivere questa esperienza. Anche per questo, nei mesi scorsi ha prestato il suo volto per sostenere il sogno dell’associazione Gondolas4all: rendere la gondola accessibile a tutti, eliminando ogni tipo di barriere architettonica. Il sogno portato avanti da Enrico Greifenberg ed Alessandro Dalla Pietà, fondatori di Gondolas4all, piano piano sta diventando realtà. E tra circa un mese le persone con sedia a rotelle potranno salire direttamente in gondola, in tutta sicurezza, grazie alla realizzazione di una speciale pedana integrata sul pontile di Piazzale Roma.

LA PEDANA IDRAULICA

L’idea è nata proprio dai due gondolieri, che hanno intercettato il bisogno e le richieste registrate dalle persone con disabilità nei primi venti anni di attività. A mostrare il funzionamento del dispositivo, il cui progetto è partito nel 2012, i due testimonial di Gondolas4all: il piccolo Nicolò e Pietro Scidurlo, fondatore di Free Wheels Onlus. I due, entrambi disabili, hanno potuto imbarcarsi e poi scendere in gondola grazie ad un’apposita pedana idraulica che evita rischi di caduta in acqua e soprattutto permette di far scendere le carrozzine che sono difficili da gestire manualmente. Il progetto è stato realizzato grazie ai numerosi donatori pubblici e privati che hanno sostenuto l’iniziativa. Il prossimo obiettivo dell’associazione è di installare una seconda passerella al pontile della stazione di Santa Lucia, per consentire alle persone con ridotta mobilità di salire e scendere senza disagi dall’imbarcazione simbolo della città lagunare. Per approfondire: www.gondolas4all.com.

Data: 15/03/2016

Fonte: Sociale.corriere.it

Post precedente

Cammini per tutti: percorrere la via Francigena in handbike

Prossimo post

Come non stressare un cliente autistico al ristorante

The Author

redazione

redazione