News

Zip e velcro, allacciature facilitate: ecco gli abiti per chi ha bisogni specifici

CARPI (Modena) – Reggiseni che ai allacciano davanti, maglioni aperti sui lati, camicie da notte con apertura a portafoglio, t-shirt con cerniere laterali, accappatoi studiati per evitare il rischio di raffreddamento. Sono alcuni dei capi di abbigliamento della linea Vesta (per uomo, donna e unisex) che si rivolge a persone anziane, allettate, non autosufficienti, con una disabilità cronica o impedimenti temporanei. “Le persone non autosufficienti o disabili indossano gli stessi abiti degli altri, hanno solo bisogno di attenzioni specifiche sulla modalità di costruzione e sui materiali”, dice Loredana Ligabue, direttrice della cooperativa Anziani e non solo e ideatrice dei Caregiver Day regionali. Una storia professionale nel tessile e nell’abbigliamento e dal 2001 un’esperienza in ambito sociale, Ligabue ha capito l’importanza di una progettazione innovativa in questo campo e l’ha proposta durante i Caregiver Day. La risposta è arrivata subito, si è formato un gruppo di lavoro ed è nata la start up Mo.Ve che coinvolge tre imprese: la carpigiana Tessitura Roberta per la maglieria, Modance di Castelfranco Emilia per l’abbigliamento e Anna Muzioli, attiva nel campo delle sanitarie. “La capacità di vestirsi o svestirsi è la prima che si perde invecchiando, con la conseguente perdita di autostima – continua Ligabue – ma anche persone allettate, colpite da ictus, con Parkinson, demenza o Alzheimer possono avere difficoltà a compiere gesti come quello di infilarsi un abito e finiscono per indossare sempre abiti comodi come una tuta. Con accorgimenti di modellatura e allacciatura e tessuti particolari, si può restituire loro la possibilità di vestire in modo dignitoso e gradevole”.

Tessuti che tengono conto della regolazione della temperatura corporea, capi che tengono la forma per seguire le eventuali evoluzioni ponderali, allacciature facilitate, fogge particolari, uso discreto di ganci e velcro, cerniere collocate in punti strategici. “L’abbigliamento può avere un ruolo importante nel semplificare la vita all’anziano e a chi lo assiste, ma in generale a chiunque, anche temporanemente impedito per un incidente, ha difficoltà a vestirsi”, dice Anna Muzioli, presidente di Mo.Ve. Per questo il gruppo ha lavorato su ogni aspetto, dai modelli alle allacciature, dalla manutenzione al lavaggio, scegliendo tessuti traspirabili, elastici, indeformabili. “Fondamentali da questo punto di vista l’esperienza e i suggerimenti di sanitari, operatori socio-assistenziali e familiari”, afferma Muzioli. Gli abiti della linea Vesta possono essere acquistati on line dal sito di Vesta o nelle parafarmacie degli iper di Coop Estense, mentre i negozi di articoli sanitari possono ordinarli direttamente a Mo.Ve.

Fonte: redattoresociale.it

(s.c./c.m.)

Post precedente

Nasce una «banca» per i non vedenti

Prossimo post

Ago e filo per “ricucire” la propria esistenza

The Author

redazione

redazione