Discorso del presidente Mauro Costanzo per il decennale di Volonwrite

Convegno Giornalismo e Disabilità dov'è la notizia?

di Mauro Costanzo (in occasione del convegno Giornalismo e disabilità: dov’è la notizia?)

Buongiorno e benvenuti! È una bella emozione avervi qui in una ricorrenza così significativa per noi. È banale, ma sembra davvero nata ieri Volonwrite, associazione nata in seno alla Redazione “Città Aperta” del Servizio Passepartout della Città di Torino grazie ad una grossa unità d’intenti e ad un entusiasmo sempre crescente. Effettuando una lieve pressione sul tasto rewind, dagli svariati fotogrammi fa capolino un’infinita galleria di volti, tutti connotati da ampi sorrisi dai quali si scorge, chiaramente, tanta voglia di fare e di mettersi gioco. Tutto questo trasmette – partendo da un contesto in cui si respira un clima fatto di complicità, allegria e amicizia abbinato ad una grande passione – un’immagine della disabilità non stereotipata.

Ripercorrendo questo intenso decennio, le immagini che si susseguono sono tantissime ma il primo pensiero, non potrebbe essere altrimenti, è per Vincenzo Langella. A Vince mi legava un’amicizia trentennale, nata sui banchi di scuola e proseguita cavalcando passioni comuni. Persi di vista per qualche tempo, ci siamo ritrovati stabilmente in questi locali, vera fucina di tante idee. Al di là di questi personalismi, Vince si interfacciava con questo nostro mondo con la sua immancabile ironia, con una grande competenza e una spiccata propensione verso tutto ciò che rappresentasse qualcosa di innovativo. A pensarci bene sono tra i punti cardine sui quali si è affermata ed è cresciuta Volonwrite, grazie Vince! Estendo ovviamente i ringraziamenti a tutti i volontari e a tutti i collaboratori: elencare i nomi sarebbe troppo lungo ma un trio lo voglio fare: Mariacristina Acciarri, che ha colto l’eredità di Vincenzo in un momento di grande coinvolgimento emotivo, Giada Morandi alla regia della macchina amministrativa e organizzativa e Marco Berton, punto di riferimento dell’area giornalistica

Volonwrite è passione, entusiasmo, competenza, integrazione, ironia. Comunicare la disabilità è la nostra mission e si fa con una cifra ben definita, da sempre la nostra cifra. Cercando di raccontare, di delineare, di tratteggiare una disabilità in chiave positiva, cogliendone la trasversalità nei meandri socio culturali. Non ci piace la retorica, la speculazione, la notizia a tutti i costi. Ci coinvolge e ci emoziona, ad esempio, il mondo paralimpico con i suoi protagonisti e i suoi eventi che, oltre a regalarci grandi emozioni, grazie ai risultati provenienti dai campi di gara sa regalarci un tourbillon di storie, romanzi che si scrivono da soli a bordo campo. Al di fuori degli impianti sportivi si registrano vittorie anche in campo scolastico, lavorativo e architettonico, giusto per citare tre tematiche pilastro nella narrazione dalla disabilità. Un universo, quello della disabilità, che è bene raccontare attraverso fotografie il più possibile fedeli alla realtà e non “photoshoppate” in funzione di beceri sensazionalismi.

Sul versante della comunicazione non è stato un decennio proprio anonimo, la rivoluzione Social ha alterato i paradigmi del comunicare in senso classico, sono variate le logiche dell’interfacciarsi con i fruitori dei media, è più agevole l’accesso alle informazioni e, puntando il focus sulla disabilità (dove l’accessibilità limitata non è solo una questione di barriere architettoniche), è una rampa di accesso di notevole comodità. Noi abbiamo cercato di cavalcare un’ondata che si è evoluta parallelamente al nostro cammino, rimodellandoci ai nuovi mezzi e alle nuove tecnologie di questa informazione 3.0. Nel 2018 siamo diventati Testata giornalistica, traguardo da noi molto ambito e colto con grande soddisfazione: pur essendo ancora in fase di strutturazione e crescita, tra gli obiettivi di questo secondo decennio che va a cominciare c’è, spinti dall’entusiasmo che ci è consono, un graduale ma costante sviluppo di un progetto a cui teniamo molto.

“Il futuro del giornalismo” al Salone del Libro di Torino

di Stefano Martini

L’appuntamento pomeridiano di lunedì 13 maggio al Salone Internazionale del libro di Torino punta a farci riflettere “sull’odierna necessità di un buon giornalismo”, come sottolineato dal moderatore del dibattito Daniele Cerrato: “In un mondo dove le notizie si rincorrono sempre più frettolosamente – aggiunge – al punto da non riuscire più a distinguere quale sia l’informazione di livello, quella scadente o la vera e propria fake news, sembra proprio che la qualità sia l’elemento che possa garantire la differenza”. Leggi tutto ““Il futuro del giornalismo” al Salone del Libro di Torino”

Media, in Rai arriverà un “disability manager”

Grande innovazione per il servizio pubblico radiotelevisivo italiano: la Rai, infatti, si doterà presto della figura del “disability manager”. L’annuncio è arrivato dall’amministratore delegato Fabrizio Salini durante il convegno “Nessuno escluso”, organizzato a Roma per promuovere l’impegno dell’azienda per l’accessibilità.

Nel suo intervento, Salini ha ricordato gli ottimi numeri della Rai: “Il tema dell’offerta dedicata alle persone con disabilità – ha dichiarato – rappresenta uno degli elementi centrali della missione del servizio pubblico: andando nel dettaglio, nel 2018 abbiamo sottotitolato 16.040 ore, 1.500 in più rispetto al 2017, pari all’88% a fronte di un obbligo dell’85%. Il dato si inserisce in un trend pluriennale di continua crescita”.

Salini ha poi ribadito la necessità di continuare a investire in questo ambito: “Ho la responsabilità e l’onore di guidare questa azienda – ha aggiunto – da otto mesi e confesso che una delle cose che più mi ha colpito è proprio la quantità e la qualità del suo impegno sui temi dell’accessibilità. Un impegno che merita di essere sottolineato”.

Il disability manager, ha fatto sapere l’azienda, avrà il compito di orientare l’organizzazione e la gestione del personale, con un occhio di riguardo alle perone con disabilità, avendo come fine l’accesso e la valorizzazione del loro lavoro.

Venerdì 22 convegno “Informazione cultura e accessibilità. Informarsi per informare meglio”

Venerdì 22 settembre dalle 9.30 alle 18, presso il Teatro Vittoria di Via Gramsci 1 a Torino, si svolgerà il convegno Informazione, cultura e accessibilità. Informarsi per informare meglio. L’evento è organizzato dall’Associazione Torino + Cultura Accessibile Onlus in collaborazione con l’Ordine dei Giornalisti del Piemonte, ANFFAS e Associazione Oltre la Forma. Leggi tutto “Venerdì 22 convegno “Informazione cultura e accessibilità. Informarsi per informare meglio””