Brevi sulla disabilità – 29 aprile 2020

Fase 2 e disabilità: la FISH chiede di alzare a 600 euro le pensioni di invalidità

Il giorno dopo la presentazione in conferenza stampa, da parte del Premier Conte, delle misure introdotte dal DPCM 26 aprile, quello che dovrebbe dare il via alla famosa fase 2, una pioggia di domande da parte di lettori – persone e famiglie con disabilità – ci ha travolti: cosa si prevede per noi? Sono stati prorogati i permessi della legge 104?  Ci sono altri congedi Covid? Sussidi? Aiuti? La risposta, lettura alla mano, è: per ora no.

Continua a leggere su Disabili.com

Su Amazon l’azalea della ricerca Airc per la “Festa della mamma”

In occasione della Festa della Mamma ritorna l’appuntamento con l’Azalea della Ricerca di Fondazione Airc. Quest’anno, per la prima volta dal lancio dell’iniziativa nel 1984, le azalee, il fiore simbolo della più nota e longeva raccolta fondi di piazza per la ricerca sui tumori delle donne, non coloreranno le 3.700 piazze, ma saranno disponibili esclusivamente online su Amazon.it da lunedì 27 aprile, a fronte di una donazione di 15 euro.

Continua a leggere su Superabile

Una nuova Sanità, basata sulla telemedicina e sulla teleassistenza domiciliare

«Un modello unico di cure domiciliari, specie per le patologie croniche e rare a stadi avanzati e gravi, utilizzando la telemedicina quale supporto per far rimanere il paziente a casa con la dovuta e necessaria assistenza»: è il modello di Sanità per il futuro chiesto da varie Associazioni di persone con malattie croniche e rare, in un messaggio inviato al Presidente del Consiglio e al Ministro della Salute, prendendo spunto «dalla situazione di emergenza e dai drammatici dati sulla mortalità, in particolare di persone fragili, gran parte delle quali con le patologie da noi rappresentate».

Continua a leggere su Superando

Ripartenza e disabilità, i caregiver: “Tutti nella stessa tempesta, ma non nella stessa barca”

La preoccupazione è tanta, l’insoddisfazione costante, ma le idee sono chiare e i diritti sicuri: così i caregiver tornano a chiedere attenzione, garanzie e tutela nella prossima “fase 2” dell’emergenza, dopo che la fase 1 ha dimenticato le persone con disabilità e abbandonato le loro famiglie. “Pur essendo nella stessa tempesta, non siamo tutti sulla stessa barca”, ci ricorda Elena Improta, mamma e caregiver di una ragazzo con grave disabilità e presidente dell’associazione Oltre lo sguardo onlus.

Continua a leggere su Redattore Sociale

Italiano il primo studio al mondo su Sclerosi multipla e Covid-19

Lancet Neurology ha accettato di pubblicare i primi dati della piattaforma internazionale MuSC-19 sulla situazione italiana. Sin ed Aism presentano il progetto pilota di raccolta delle informazioni cliniche sulle persone con Sm che hanno sviluppato l’infezione da Coronavirus. «L’impegno continuerà nei prossimi mesi e i dati saranno studiati e approfonditi», annuncia Mario Alberto Battaglia, presidente della Fism.

Continua a leggere su Vita

 

Brevi sulla disabilità – 24 aprile 2020

Il tuo sito è accessibile alle persone con disabilità?

Dando ulteriore continuità a una serie di incontri già avviati da alcuni mesi, Progetto Yeah! – ramo aziendale della Cooperativa Sociale Quid, specializzato nella fornitura di servizi per l’accessibilità e l’inclusione – proporrà per il pomeriggio del 29 aprile, in diretta streaming, un nuovo seminario online gratuito (“webinar”) sul tema “Il tuo sito web è accessibile alle persone con disabilità?”

Continua a leggere su Superando

Coronavirus, quattro mail senza risposta. Così l’emergenza disabili è ignorata da Asl e Regione

Quattro mail che non hanno mai ricevuto risposta. Alle quali si aggiungono i solleciti telefonici, i messaggi su Whatsapp e i tentativi di interlocuzione con i vari distretti territoriali. Quattro mail di richiesta d’aiuto da parte di Anffas Piemonte, l’Associazione nazionale famiglie di persone con disabilità intellettiva e/o relazionale, rivolte a Regione, Unità di Crisi, Asl. Ma che hanno avuto in cambio solo il più pesante dei silenzi. Nonostante il rischio, come raccontato ieri sulle pagine del Corriere Torino dal presidente regionale e torinese Giancarlo D’Errico, che «la situazione diventi insostenibile».

Continua a leggere su Corriere Torino

Il caso disabili arriva in Regione: fondi per famiglie e associazioni

«Risorse concrete per la fase 2 saranno date alle persone con disabilità». Nei giorni scorsi, la denuncia sulle pagine del Corriere Torino di un mese di appelli caduti nel vuoto: quattro mail con la richiesta di un confronto e di tamponi per operatori e ospiti nelle residenze. Destinatari, Regione, Unità di Crisi e Asl. Ieri, il telefono del presidente dell’Anfass Giancarlo D’Errico ha squillato due volte.

Continua a leggere su Corriere Torino

Un po’ di chiarezza nella miriade di informazioni su coronavirus e disabilità

Appare quanto mai utile, in un periodo come questo, contraddistinto da una gran mole di informazioni, il servizio reso disponibile dall’organizzazione CBM Italia, consistente in un archivio ragionato di documenti e risorse sul tema “Coronavirus e disabilità”, prodotti a livello nazionale, ma anche e soprattutto in àmbito internazionale, che puntano sia al “mainstreaming” della disabilità – l’inserimento di quest’ultima in tutte le politiche e la legislazione che incidono sulla vita delle persone – sia al coinvolgimento attivo delle stesse persone con disabilità per la tutela dei loro diritti.

Continua a leggere su Superando

A Bologna apre un nuovo sportello antiviolenza per donne con disabilità

In questi giorni nei quali siamo chiamati a rispettare le misure di distanziamento sociale e limitare spostamenti ed uscite, le mura domestiche possono diventare, ancor più che in altri periodi, delle prigioni per quelle donne che vivono in casa situazioni di violenza – sia essa fisica, psicologica, economica. La situazione, già grave, diventa ancor più pesante se a subire violenza, minacce, umiliazioni, è una donna con disabilità: in questi casi, infatti, spesso è ancora più difficile denunciare.

Continua a leggere su Disabili.com

La quarantena in casa di chi ha un disturbo mentale

Olga, Chiara, Martina, Riccardo… in tanti giovani caregiver stanno raccontando la loro quarantena di figli di persone con un disturbo mentale. L’idea è di Stefania Buoni, presidente dell’associazione COMIP, che per anni ha vissuto la medesima esperienza. «In un momento in cui la solitudine è amplificata, vogliamo far sentire ai tanti giovani caregiver la nostra vicinanza»

Continua a leggere su Vita

Tecnologia e disabilità tra sicurezza, riabilitazione e social network

Soluzioni per la piena sicurezza di case e luoghi di lavoro, tecniche innovative per la riabilitazione e le potenzialità dei social network: di questo, e molto altro, si è parlato durante l’incontro “Tecnologia e disabilità, un mondo di possibilità da…immaginare”,  andato in scena venerdì 8 novembre durante il Festival della Tecnologia del Politecnico di Torino. Gli ospiti, accompagnati nel racconto dall’architetto, musicista e atleta paralimpico Luca Paiardi, hanno illustrato le proprie idee e le proprie ricerche, tutte volte al miglioramento delle condizioni di vita delle persone con disabilità.  Leggi tutto “Tecnologia e disabilità tra sicurezza, riabilitazione e social network”

Un mondo di possibilità da immaginare, la disabilità sbarca al Festival della Tecnologia di Torino

La disabilità sarà protagonista, venerdì 8 novembre, al Festival della Tecnologia di Torino. La rassegna, organizzata dal Politecnico di Torino, è in programma fino a domenica 10 e nella giornata di domani (alle ore 10) ospiterà l’incontro “Tecnologia e disabilità, un mondo di possibilità…da immaginare”. Leggi tutto “Un mondo di possibilità da immaginare, la disabilità sbarca al Festival della Tecnologia di Torino”

Brevi sulla disabilità – 17 maggio 2018

BENE LA SOSPENSIONE DI QUEL PIANO REGIONALE DELLA CRONICITÀ

«Siamo contenti – dichiara Giancarlo D’Errico dell’ANFFAS Piemonte – che sia stato sospeso il Piano della Cronicità del Piemonte, perché sarebbe stato deleterio per le persone con disabilità e per le loro famiglie, scaricando in gran parte su queste ultime – già in situazione di progressivo impoverimento a causa della crisi – la gestione organizzativa ed economica delle cosiddette “persone fragili”. Al tempo stesso, però, chiediamo di avviare un tavolo di concertazione sul tema, che permetta di concordare linee guida e modalità di intervento, prima di arrivare al provvedimento definitivo».

Continua a leggere su Superando

MASTER UNIVERSITARIO PER ASSISTENTI ALLA COMUNICAZIONE

L’Università di Modena e Reggio Emilia attiva un Master Universitario in modalità telematica di primo livello in “Formazione per l’assistente alla comunicazione e per l’autonomia personale degli alunni con disabilità sensoriale”. La figura professionale dell’assistente alla comunicazione e per l’autonomia personale è prevista dall’art. 13 comma 3 della Legge 104/92 che ribadisce l’obbligo “per gli enti locali di fornire l’assistenza per l’autonomia e la comunicazione personale degli alunni con handicap fisici e sensoriali”.

Continua a leggere su Superabile

SCLEROSI MULTIPLA E SPORT: SI PUÒ, SENZA ESCLUSIONI

A volte basta poco per eliminare i pregiudizi. Come alcuni che riguardano la sclerosi multipla. Perché anche con le condizioni che derivano si può essere grandi atleti o comunque praticare sport. Si potrebbero portare centinaia di esempi, non solo nel mondo paralimpico. Sara Morganti, una delle migliori nel mondo nell’equitazione, e Nadia Fario, azzurra di tiro a segno, hanno partecipato alla Paralimpiade di Rio. Sara ha scoperto di avere la SM quando aveva 19 anni: “Montavo da quando ne avevo 13. Provai a smettere, ma la situazione mica migliorava. E ho ripreso”. Nadia aveva già superato i 40 quando le è stata diagnosticata.

Continua a leggere su Invisibili Corriere

USA: “SEDIA A ROTELLE NON SIGNIFICA TRISTEZZA”. CAMPAGNA SOCIAL ALL’INSEGNA DEL SORRISO DOPO LA BATTUTA INFELICE DI UNA STAR TV

“Non c’è niente di più triste di una persona attraente su una sedia a rotelle”. Queste (infelici) parole le ha scritte su Twitter Ken Jennings, un nome che ai più in Italia forse non dirà nulla, ma che negli Usa è molto noto: Jennings ha vinto 74 puntate del quiz televisivo Jeopardy!, portandosi a casa la bella somma di oltre 3 milioni di euro nel 2014, e sempre in quella data lo stesso Jennings ha scritto quelle parole che hanno continuato a navigare in rete, fino ad arrivare (alcuni giorni fa) davanti agli occhi di Annie Segarra, youtuber americana e attivista alla quale, proprio nel 2014 è stata diagnosticata la sindrome di Ehlers-Danlos (EDS), una malattia rara e degenerativa, che colpisce il tessuto connettivo.

Continua a leggere su Repubblica

XBOX, ALLO STUDIO UN CONTROLLER PER I DISABILI?

Microsoft starebbe lavorando ad uno speciale controller per la sua Xbox Oneespressamente dedicato ai disabili. Questo speciale controller disporrebbe di due pad sovradimensionati per facilitarne l’utilizzo anche a chi ha problemi di movimento con le mani. Pad che dovrebbero essre programmabili per meglio adattarsi alle varie situazioni d’uso. Non mancherebbero anche il classico pulsante Xbox ed una serie di ulteriori pulsanti. L’immagine di quello che potrebbe essere questo speciale controller è stata condivisa dal noto leaker WalkingCat.

Continua a leggere su Webnews

Brevi sulla disabilità – 23 marzo 2018

L’ISTITUTO INVAT È UN SOGNO DIVENTATO REALTÀ

Nato lo scorso anno, l’INVAT (Istituto Nazionale di Valutazione Ausili e Tecnologie), nuovo Ente collegato all’UICI (Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti), ha come scopo precipuo quello di valutare e promuovere sul territorio gli ausili e le strumentazioni volti a favorire l’autonomia personale e la mobilità autonoma delle persone cieche e ipovedenti. «È un sogno divenuto realtà – scrive il direttore generale Franco Lisi – e ora l’auspicio è che l’Istituto possa diventare un’Autorità Nazionale riconosciuta nel campo dell’accessibilità della tecnologia intesa nell’accezione più ampia»

Continua leggere su Superando.it 

VENARIA APPROVA UNA MOZIONE IN FAVORE DELLE PERSONE SORDE

E’ arrivata all’approvazione unanime la mozione, presentata dalla consigliera Barbara Virga e dal consigliere Salvatore Ippolito, per chiedere al Comune di Venaria di riconoscere la Lingua dei Segni Italiana (LIS) “come importante strumento di comunicazione per le persone sorde”.

Continua leggere su Sordionline.com

IL 25 MARZO TORINO CORRE LA”ACUS RUN 2018”
Corsa podistica a favore del progetto “Protezione Famiglia” della FARO. • Al via il ‘3° Memorial Sergio Bertoldini’: corsa non competitiva aperta a tutti di 10 km, oppure camminata di 5 km e corsa di 1 km per i bambini. Ritrovo e partenza della gara ore 10, in Viale Michelotti 21

Continua leggere su Torinosportiva.it

Brevi sulla disabilità – 22 marzo 2018

IRAN, PER LA PRIMA VOLTA IN PASSERELLA SFILANO MODELLI CON DISABILITÀ

Per la prima volta si è tenuta a Teheran una sfilata di moda che ha avuto come protagonisti dei modelli con disabilità. Durante l’evento sono stati introdotti più di 50 capi d’abbigliamento destinati a persone affette da oltre 15 tipi di malattie che provocano disabilità o mobilità limitata. Oltre ai problemi fisici, gli individui con disabilità lamentano una mancanza di attenzione da parte delle case d’abbigliamento alle loro esigenze. Anche semplici movimenti possono portare alla lacerazione di un tessuto non pensato per essere indossato da una persona con disabilità.

Continua a leggere su Euronews.com

START UP GENOVESE “IN ROSA” LANCIA UNA “APP” LOW COST PER AIUTARE A COMUNICARE CHI SOFFRE DI AUTISMO

La rivoluzione low cost per bimbi e adulti che hanno difficoltà nella comunicazione verbale parte da Genova. La novità è rappresentata da una app, molto semplice da utilizzare e programmare, realizzata da un gruppo di professionisti genovesi. Una novità mondiale ideata da un gruppo con età media 33 anni e destinata a oltre 180 milioni di persone con disabilità intellettiva e disturbi dello spettro autistico nel mondo, solo in Italia quasi 500mila.“Almeno il 30% di queste persone ricorre a sistemi comunicativi alternativi con centinaia di applicazioni e software creati per favorire l’espressione di bisogni e necessità. Troppo spesso i costi sono proibitivi”, sottolinea Federica Floris, psicologa e fondatrice con l’ingegnere Alessandra Piaggio della startup Alos. Una società innovativa a vocazione sociale tutta ‘al femminile’.

Continua leggere su Genova24 

SCLEROSI MULTIPLA, UN VIDEOGIOCO PER LAVORARE SULLA RIABILITAZIONE ANCHE A CASA PROPRIA

Un videogioco con dispositivi high-tech che consente alle persone con sclerosi multipla di fare riabilitazione direttamente da casa, sotto continuo monitoraggio medico. Si chiama Ms-Fit ed è un gioco digitale sviluppato da Roche ed Helaglobe srl, con il coinvolgimento di 12 centri neurologici diffusi in tutta Italia e della Fondazione italiana sclerosi multipla (Fism). Ms-Fit, spiegano i suoi realizzatori, «utilizza le caratteristiche fondamentali dei videogames per consentire a chi vive con la sclerosi multipla di svolgere quotidianamente un’attività fisica adattata, sotto lo stretto monitoraggio del medico che ne riceve i dati e i progressi» attraverso una piattaforma dedicata. Il tutto avviene grazie a un mini-personal computer e un controller del movimento: l’utente vede riprodotto sullo schermo un avatar che lo guida nello svolgimento degli esercizi.

Continua a leggere su LaStampa.it