La mobilità attiva fa bene, anche all’accessibilità

di Marco Berton

Da tempo, a Torino e in altre grandi città italiane, è in atto una sorta di “guerra” che contrappone due fazioni: la prima riguarda chi porta avanti un’incessante politica di sviluppo della mobilità attiva attraverso diversi interventi come nuove piste e corsie ciclabili, l’introduzione di innovazioni come case avanzate e controviali a 20 km/h, la messa in sicurezza di incroci e attraversamenti, l’istituzione di nuove aree pedonali e delle cosiddette “zone” 30″. Leggi tutto “La mobilità attiva fa bene, anche all’accessibilità”

Con CLIC2 la scuola cambia il clima

Lo scorso dicembre, l’Autorità d’Ambito n.3 “Torinese” ha approvato il progetto “CLIC2 – La scuola cambia il clima”.

CLIC2 guiderà gli studenti in un percorso educativo che, con il supporto di giochi di ruolo, incontri tematici, laboratori didattici, proiezioni di filmati e realizzazioni di brevi video, consentirà loro di “immergersi” nelle sfide poste dal cambiamento climatico stimolando la loro immaginazione, la loro inventiva, il loro ingegno e la loro creatività. 

Il progetto CLIC2 – realizzato da Hydroaid in collaborazione con CinemAmbiente TV Film per l’Educazione Ambientale, MAcA (Museo A come Ambiente), Politecnico di Torino, Associazione Volonwrite (associazione di volontariato, attiva nel settore della comunicazione sociale multimediale), con il patrocinio della Città Metropolitana di Torino e della Città di Torino – pone nuovamente il sistema-scuola del territorio torinese al centro di una serie di percorsi ludico-educativi e di attività formative sulle problematiche legate alla gestione delle risorse idriche e al fenomeno del cambiamento climatico.

 

Dopo la positiva esperienza, realizzata nel 2017 con 800 bambini della scuola primaria, il progetto CLIC2 torna a parlare con gli studenti coinvolgendo questa volta i tre gradi d’istruzione, per contribuire a diffondere i principi della sostenibilità idrica e ambientale fra i bambini e i ragazzi, e proporre un approfondimento sui temi dell’impatto del cambiamento climatico sulle risorse idriche e delle problematiche legate all’impronta idrica, ovvero l’incremento del consumo di acqua connesso alla crescente produzione di beni e servizi.

La consapevolezza del consumo idrico connesso ai beni e ai servizi appartenenti alla vita quotidiana di tutti noi è il focus didattico che accompagnerà i ragazzi delle scuole medie e superiori in un “viaggio” di scoperta e riflessione sulle scelte di responsabilità che spettano a ciascun cittadino per un mondo più sostenibile.

CLIC2 guiderà gli studenti in un percorso educativo che, con il supporto di giochi di ruolo, incontri tematici, laboratori didattici, proiezioni di filmati e realizzazioni di brevi video, consentirà loro di “immergersi” nelle sfide poste dal cambiamento climatico stimolando la loro immaginazione, la loro inventiva, il loro ingegno e la loro creatività.

Il progetto sarà ufficialmente presentato in occasione del Festival CinemAmbiente 2018, in programma a Torino dal 31 maggio al 5 giugno.

Lo sviluppo sostenibile e i diritti delle persone con disabilità

Appare del tutto degno di attenzione lo studio prodotto dall’ASviS (Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile), intitolato “L’Italia e gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile”, voluto – come la stessa ASviS – allo scopo di far crescere nel nostro Paese la conoscenza, l’attenzione, la sensibilità e l’impegno per tradurre in politiche concrete gli Obiettivi dell’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile, prodotta nel 2015 dalle Nazioni Unite. Un documento tanto più importante, ricordando quanto fossero espliciti, in quell’Agenda, i riferimenti ai diritti delle persone con disabilità. Leggi tutto “Lo sviluppo sostenibile e i diritti delle persone con disabilità”

Fà la cosa giusta 2016: BikeByBus, il ciclonoleggio sociale

Calcio, musica, sociale: queste sono sempre state le mie ossessioni. Dovessi aggiungerne una quarta, sceglierei sicuramente la bicicletta, perché giro in bici per Torino fin da quanto mi sono trasferito qui (se non per causa di forza maggiore). A Fà la cosa giusta 2016 c’era un noleggio di biciclette in grado di far bene non solo al nostro corpo o all’ambiente, ma ma anche ad una quantità inimmaginabile di persone. Leggi tutto “Fà la cosa giusta 2016: BikeByBus, il ciclonoleggio sociale”

Fa’ la cosa giusta 2016: Socialstars, l’app dell’impegno sociale

Durante la mia passeggiata tra gli stand di Fà la cosa giusta! 2016, la fiera della sostenibilità e dell’innovazione sociale andata in scena a Milano dal 18 al 20 marzo scorso, sono rimasto particolarmente affascinato dall’allestimento di Socialstars. Prima di tutto per il nome, perché è molto difficile trovare nomi accattivanti e d’impatto quando parliamo di organizzazioni sociali. In secondo luogo per i colori scelti per il logo: scritta bianca con sfondo blu, fatto molto raro in un mondo abituato a colori sgargianti e spesso male abbinati. Non potevo non approfondire la cosa. Leggi tutto “Fa’ la cosa giusta 2016: Socialstars, l’app dell’impegno sociale”

A Fa’ la cosa giusta si fanno tanti incontri interessanti…

Domenica scorsa sono stato a Fa’ la cosa giusta, fiera della sostenibilità e dell’innovazione sociale che si è svolta a Milano per tre giorni, da venerdì a domenica, appunto. Ero stato anche a quella di Torino, ad ottobre, nulla a che vedere con questa, molto più grande e completa: tra le centinaia di stand presenti, ho avuto la fortuna di imbattermi in moltissime organizzazioni con progetti innovativi che riguardano, direttamente o indirettamente, la disabilità. Qui potete trovare un primo riassunto della giornata, volta per volta cercherò, nei prossimi articoli, di presentarvi le realtà più interessanti. Leggi tutto “A Fa’ la cosa giusta si fanno tanti incontri interessanti…”