La Sindone “raccontata” a ciechi e ipovedenti grazie a CISS e UICI Torino

di Marco Berton

Il CISS Centro Internazionale di Studi sulla Sindone e l’UICI di Torino hanno organizzato un’interessante iniziativa che vede come protagonista uno dei simboli religiosi più importanti della città: la Sindone, appunto. Grazie alla neonata collaborazione, infatti, uno dei “lenzuoli” più famosi al mondo (dove, secondo la tradizione, venne avvolto il corpo di Gesù) ha potuto essere “raccontato” a ciechi e ipovedenti attraverso appositi strumenti. Leggi tutto “La Sindone “raccontata” a ciechi e ipovedenti grazie a CISS e UICI Torino”

Trasporti, l’Unione Ciechi e Ipovedenti di Torino promuove GTT ma chiede attenzione per tutti

di Marco Berton

Promossa, ma con alcune riserve: è questo il “giudizio” dell’Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti di Torino su GTT riguardo l’accessibilità dei mezzi del trasporto pubblico alle persone con disabilità visiva. Secondo l’associazione infatti, l’introduzione di nuove tecnologie è positiva ma deve essere comunque affiancata dalla massima attenzione verso chi può avere delle difficoltà ad utilizzarle come le persone anziane. Leggi tutto “Trasporti, l’Unione Ciechi e Ipovedenti di Torino promuove GTT ma chiede attenzione per tutti”

Giornata Nazionale del Braille, le riflessioni del presidente di UICI Torino Giovanni Laiolo

Giovanni Laiolo

Domenica 21 febbraio si celebrerà la Giornata Nazionale del Braille, l’alfabeto tattile in rilievo ideato nel 1800 da Louis Braille e destinato a persone cieche e ipovedenti. In vista di questo importante appuntamento, il presidente di UICI Torino Giovanni Laiolo ha espresso alcune considerazioni. Leggi tutto “Giornata Nazionale del Braille, le riflessioni del presidente di UICI Torino Giovanni Laiolo”

Brevi sulla disabilità – 28 aprile 2020

Fase 2 Coronavirus: sintesi delle misure del decreto 26 aprile

Nella serata di ieri il premier Giuseppe Conte ha annunciato le nuove regole per la cosiddetta fase 2: quella che consentirà prudenti aperture rispetto al lockdown che è stato necessario impostare nel nostro paese per contenere il diffondersi della epidemia da Coronavirus. Questa fase, come sappiamo, comporterà una convivenza col virus, e le misure introdotte dal nuovo DPCM, che partiranno dal 4 maggio e saranno in vigore fino al 18, hanno l’obiettivo di traghettarci in questo secondo momento, senza abbassare la guardia.

Continua a leggere su Disabili.com

Ora anche in italiano quel sondaggio internazionale sul coronavirus

Sono disponibili ora anche in italiano la presentazione e il questionario relativi all’ampio sondaggio online, di cui quale avevamo riferito la scorsa settimana, al quale possono contribuire anche organizzazioni di persone con disabilità e singoli cittadini con disabilità. A promuoverlo sono state alcune organizzazioni internazionali di persone con disabilità e delle loro famiglie, per raccogliere informazioni sulle esperienze vissute in questi mesi dalle persone con disabilità, nonché al modo in cui i vari Stati stanno rispondendo alle situazioni riguardanti questa specifica popolazione.

Continua a leggere su Superando

La disabilità nell’Italia che riparte: l’articolo 8 del decreto “riattiva” i servizi

Non è stata nominata nella conferenza stampa di ieri sera, ma almeno è presente nel nuovo decreto: alla disabilità è infatti dedicato l’articolo 8, che prevede, di fatto, la riattivazione di centri e servizi, affidando alle regioni il compito di stabilire come, quando e con quali nuove, necessarie accortezze.

Continua a leggere su Superabile

Azzolina scrive alle scuole per «recuperare» sulla didattica inclusiva

La ministra all’Istruzione, che è stata docente di sostegno, scrive una lettera per «contribuire a sanare alcuni disallineamenti riscontrabili nelle pratiche didattiche quotidiane» e «stimolare alla costruzione di strategie utili a recuperare quanto, in termini di socializzazione e didattica inclusiva ha, malgrado l’impegno di tutti, perso di efficacia».

Continua a leggere su Vita

Coronavirus e disabilità. L’emergenza Covid-19 nella quotidianità di una persona sorda

Come vive una persona sorda il lockdown legato all’emergenza Coronavirus? Le Istituzioni stanno facendo abbastanza per tutelare la comunità di chi non sente? Ce lo siamo fatti raccontare da Michele Buscio, studente molisano sordo dal grandissimo seguito sui social (la sua pagina Facebook conta oltre 24mila follower) attraverso i quali parla di diritti, libertà e uguaglianza e sensibilizza su tematiche sociali di disabilità e lingua dei segni.

Continua a leggere su Disabili.com

L’emergenza covid-19 nella quotidianità di una persona cieca

Dopo l’articolo su lockdown e persone sorde, oggi affrontiamo la domanda: come vive una persona cieca il lockdown legato all’emergenza Coronavirus? Le Istituzioni stanno facendo abbastanza per tutelare la comunità di chi non vede? Ce lo siamo fatti raccontare da Consuelo Battistelli, esperta di disability management che si occupa di diversity&inclusion in una grande multinazionale.

Continua a leggere su Disabili.com

 

Brevi sulla disabilità – 19 aprile 2020

La gestione dell’emergenza in un istituto riabilitativo ad alta specializzazione

Cosa ha comportato l’attuale emergenza sanitaria per le persone seguite da una struttura ad alta specializzazione riabilitativa, come l’Istituto Montecatone di Imola (Bologna), che si occupa di pazienti con lesione midollare e/o con grave cerebrolesione acquisita? Una vera e propria rivoluzione, con una profonda e costante revisione dei metodi assistenziali, riabilitativi e di comunicazione. Ma sia le persone con disabilità e i loro familiari da una parte, sia il personale dall’altra, sembra avere reagito al meglio ai cambiamenti, con grande capacità di adattamento

Continua a leggere su  Superando

Centri diurni per persone disabili chiusi: attivato un numero verde per famiglie

L’Istituto Serafico ha attivato un numero verde attraverso il quale un’equipe multidisciplinare di medici e professionisti potrà rispondere alle richieste dei genitori in difficoltà. Le famiglie di persone con disabilità si stanno trovano a combattere,  in questi giorni di pandemia, una emergenza nella emergenza: le conseguenze dello stop e della sospensione di tutte le attività e i servizi a supporto, come la chiusura dei centri diurni.

Continua a leggere su Disabili.com

Servizi attivi per persone con disabilità visiva

Il servizio telefonico “UICI è con Te”, uno “Sportello d’ascolto” per supporto psicologico, il “TechPoint” in teleconferenza, riguardante l’informatica e le tecnologie assistive, nonché una serie di consulenze su temi specifici: sono le iniziative attivate dal Presidio UICI di Sant’Anastasia e Paesi Vesuviani (Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti), per continuare a sostenere le persone con disabilità visiva anche in questa fase di emergenza sociosanitaria.

Continua a leggere su Superando

Didattica a distanza, come sta andando per gli studenti con sindrome di Down?

Può la didattica a distanza assicurare l’inclusione, oltre che l’istruzione? In che modo la stanno affrontando gli studenti con sindrome di Down? Con quali difficoltà e con quali supporti viene loro garantito il percorso scolastico “a casa”? In attesa che le prossime disposizioni governative chiariscano il destino di milioni di studenti, l’Associazione Italiana Persone Down (Aipd), tramite il suo osservatorio scolastico, prova a chiarire alcuni punti.

Continua a leggere su Redattore Sociale

La lotta di mamma Marina: “Le persone con disabilità gravissime e le loro famiglie sono, ancora una volta, abbandonate a se stesse”

“Siamo rimasti senza assistenza sanitaria, fate qualcosa al più presto”: a lanciare l’allarme è Marina Cometto, mamma di Claudia, 46enne con sindrome di Rett, malattia rarissima che colpisce il sistema nervoso centrale portando a una progressiva perdita delle funzioni motorie e cognitive.

Continua a leggere su Torino Oggi

 

Le mani come mezzo di lettura e comunicazione: tra libri tattili e giochi per ‘vedere’ con le mani

di Nicol Gavioli

Al Salone Internazionale del Libro di Torino, nella giornata di giovedì 9 maggio, si sono svolti due laboratori molto istruttivi: “Libri tattili e altre storie”, organizzato e diretto dalla Fondazione Sandretto Re Rebaudengo di Torino e “Tac-Too Mani in Fiaba”, a cura di Erickson e condotto da Sonia Scalco, creatrice del gioco insieme a Carlo Carzan. Leggi tutto “Le mani come mezzo di lettura e comunicazione: tra libri tattili e giochi per ‘vedere’ con le mani”

Hai mai toccato una favola con mano? Esperienze sensoriali al Salone del Libro

Hai mai toccato una favola con mano? è il titolo del laboratorio sensoriale che la Lega del Filo d’Oro (cura, assistenza e riabilitazione dei bambini con disabilità sensoriale) ha proposto durante le giornate del Salone del Libro di Torino, pensato per far conoscere e sensibilizzare grandi e piccoli sul tema delle disabilità sensoriali, sperimentando in prima persona la cecità.

Durante l’incontro, i bambini coinvolti sono stati divisi in tre gruppi, a due dei quali è stato presentato un libro tattile (realizzato dall’associazione) sul tema della canzone di Sergio Endrigo Ci vuole un fiore: muniti di mascherine per coprirsi gli occhi, i piccoli hanno vissuto un’esperienza unicamente tattile attraverso il riconoscimento dei materiali presenti sulle pagine del libro. Al terzo gruppo è stata proposta la lettura di una favola, durante la quale è stato possibile toccare gli elementi della storia, presentati sotto forma di oggetti.

Attraverso la realizzazione di questi progetti è possibile favorire l’inclusione nella società e l’autonomia della persona con disabilità sensoriale.

Nicol Gavioli

APRI onlus ha inaugurato la sua nuova sede e presentato la Biblioteca Regionale Braille

Venerdì 4 maggio si è tenuta, in Via Nizza 151, l’inaugurazione della nuova sede della A.P.R.I. Onlus (Associazione Pro Retinopatici ed Ipovedenti). Nel corso dell’evento è stata presentata la vecchia Biblioteca Regionale Braille, chiusa dal 2013. A tal proposito, l’associazione sta studiando nuovi progetti per raccogliere fondi e creare nuove opportunità di fruizione dei materiali della biblioteca, con l’eventualità di un servizio di prestito e consultazione con la presenza di personale preparato. Leggi tutto “APRI onlus ha inaugurato la sua nuova sede e presentato la Biblioteca Regionale Braille”

Brevi sulla disabilità – 19 aprile 2018

Nasce a Grugliasco il brevetto di un tavolo che permetterà ai disabili di giocare a bocce

L’idea di un mini tavolo per il gioco delle bocce, in particolare per la specialità della raffa, è di un grugliaschese d’adozione: pensata, realizzata e brevettata da Guido Fochi, classe 1943 ed originario di Contarina in provincia di Rovigo. L’obiettivo principale che l’ha ispirata è consentire a tutti i portatori di handicap fisici o che hanno problemi di deambulazione e che quindi non potrebbero praticare questo sport nei campi da gara regolamentari.

Continua a leggere su www.torinosportiva.it

Incontro Cip-Fipav dopo lo storico risultato del sitting volley femminile

Oggi il presidente della Federazione Italiana Pallavolo, Pietro Bruno Cattaneo, ha fatto visita al presidente del Comitato Italiano Paralimpico Luca Pancalli. L’incontro è stata l’occasione per parlare di vari argomenti tra i quali la recente qualificazione ai Campionati del Mondo Femminili di sitting volley (Arnhem, Olanda 15-21 luglio), ottenuta in Corea del Sud dalla Nazionale italiana, e i nuovi programmi per lo sviluppo e la diffusione di questa disciplina.

Continua a leggere su www.comitatoparalimpico.it

Il web e l’empatia nella riabilitazione di ciechi e ipovedenti: il modello di Yeah

Una coooperativa sociale veronese fondata da giovani ipovedenti propone un modello integrato di assistenza che si basa sul web e le risorse informatiche.

Continua a leggere su www.disabili.com

Che succederà a Torino se quei tagli al welfare non verranno coperti?

«Leggiamo con preoccupazione la notizia per cui il Bilancio del comune di Torino è stato licenziato con un taglio lineare sul capitolo welfare di oltre 2 milioni e mezzo di euro. Ciò significa che una spesa storica già insufficiente viene portata a un livello ancora inferiore, con il conseguente progressivo trasferimento del carico economico alle famiglie, in un contesto di generale impoverimento dovuto alla crisi»: a denunciarlo è Giancarlo D’Errico dell’ANFFAS, che aggiunge: «E non è ancora chiaro se l’Amministrazione conta di recuperare risorse da altri capitoli per coprire il taglio».

Continua a leggere su www.superando.it